POESIE - LIGURIA
Veggi libretti de schêua

Dialetto: Liguria

Veggi libretti de schêua
Veggi libretti frusti de mâe schêue,
quaderni pin de storte mâe carasse,
s’anche de quelli giorni me scordasse
a vostra voxe a lö me riportiaè...

A-i fêuggi antïghi quanti scassui drentu,
quante d’ inciostru là ghe stan medagge!
Ma de mì sempre u chêu, cume tenagge,
i me dentâe, cu-e bucche di rigordi!

Meistri riveggu andaêti zà a-i Massocchi,
de sprescia là pure tant’otri intrâe
de quelli sciù di banchi freschi frâe
ch’axevan questi stessi mâe libretti…….

Oh, veggi fêuggi pin de grandi maccie
quantu passon l’è tempu e che burrasche!
A schêua tutti u s’ëa speranze e frasche,
nui pure a vitta tutti a n’à scianchaè!


Traduzione in italiano

Vecchi libri di scuola
Vecchi e logori (=frusti) libri di scuola,
quaderni pieni di mie storte aste (= carasse)
se anche di quei giorni mi scordassi
la vostra voce ad essi mi riporterebbe.

Quanti scarabocchi (=scassui) dentro agli antichi fogli
quante macchie (=medagge) d’inchiostro vi stanno!
Ma sempre il mio cuore, come una tenaglia (=tenagge),
mi addentate con voci (=bocche) di ricordi!

Rivedo maestri (=meistri) già andati ai Massocchi,
in fretta (=sprescia) pure tanti altri (=otri) entrati (=intrâe)
fra quelli freschi fratelli (=frâe) di banco
che avevano (=axevan) questi stessi miei libretti...

Oh! vecchi fogli pieni di grandi macchie (=maccie)
quanto tempo e quante burrasche sono trascorse .
A scuola tutti si era(=s’ëa) speranze e affettuosità (=frasche),
noi pure la vita tutti ci ha sciancati (=scianchâe)!

Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua