POESIE - SICILIA
'U CIMITERU
Quel che Dio ed il mondo guardano non è la toma dove ognuno viene seppellito, ma il ricordo che di sè ha lasciato agli uomini.
Dialetto: Sicilia

'U CIMITERU
I facci, ca su’ sguard’o Cimiteru
Ti dicinu ca murieru daveru,
Macari ch’a data nun t’a ricuordi,
Chiddu ca c’era d’iddi, nun si perdi.

Prima, do Cimiteru di Vutera
‘Na latata pp’e picciddi c’era,
E ‘n’atra pp’e rann’e l’atri tutti
Ca nun c’era distanza tra li muorti.

Ccu’e sordi, monumenta e cappelli
Abbillimenta vari e cancelli,
Nasciu ‘n atru ranni cimiteru
E dividiu chiddu ch’era ‘nteru.

Si giust’o sbagghiatu, nun cunta nenti,
Ca tuttu chiddu ca fanu li genti,
Passa ca la Storia tuttu cummogghia,
Chiddu ca sciavuria nunn’è agghia.

Davant’a Diu nun siemmu tutt’i stissi?
Chiddu ca di la terra tu lassassi
Nun è lu monument’unna trasissi
Ca l’urtimu rispiru esalassi,

Ma lu fantasimu ca gira ‘n festa
De’ vutrisi ca ci lassassi ‘n testa,
Lu to ricuord’e lu to ‘nsignamientu
Di spica china, ccu tantu frummientu.

‘U Signuri ppi lu to monumentu
Nun ti duna certu cumpilimientu,
Nun ti dumanna ‘u mastru ca lu fici
E nun ti dici si ni fu capaci,

E si si’ ‘bruvicatu di nu fuossu
Nun si storci ppi chissu lu So mussu,
Ch’ogni omu murienn’hava lassari
Sciavur’unn’e viv’hana caminari.



Traduzione in italiano

IL CIMITERO
Le facce che son sguard’al Cimitero
Dicon che son morti per davvero,
La data forse non te la ricordi
Quel che c’era di loro, non lo perdi.

Prima, nel Cimitero di Butera
Una parte per i bambini c’era,
E l’altra per donn’e uomini tutti
Ché non c’era distanza tra i morti.

Coi soldi, monumenti e cappelle
Abbellimenti vari e cancelli,
Nacque un altro grande cimitero
E divise quello ch’era intero.

Se giust’o sbagliato, non conta niente,
Chè tutto ciò che fa la gente,
Passa che la storia tutto accoglie,
Ciò che odora non è spicchio d’aglio.

Davant’a Dio non siamo gli stessi?
Quello che in terra tu lasciati
Non è il monumento ov’entrasti
Dopo che il respiro esalasti,

Ma il fantasma che gira in festa
De’ vutrisi, che gli lasciast’in testa,
Il tuo ricordo e l’insegnamento
Di spiga piena con tanto frumento.

Il Signore pel tuo monumento
Non ti rende certo un complimento,
Non ti chiede il mastro che lo fece
E non ti dice se ne fu capace,

E se sei sepolto in un fosso
Non si storce per questo il muso,
Ch’ogni uomo morend’ha da lasciare
Odore dov’i vivi devon camminare.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina