RACCONTI - PIEMONTE
Burgatin
Il bambino Burgatin trova tre soldi, ci compra dei fichi, ne pianta uno e l'albero si sviluppa magicamente in una sola notte. Mentre B. raccogli i frutti, il Mago (orco) lo prega di offrirgliene uno e con quel pretesto lo cattura per cibarsene, ma ritenendolo troppo magro, lo rinchiude all'ingrasso nel suo porcile. Per controllare i progressi usa tastargli un dito, avendo problemi di vista, ma il furbo bambino lo inganna, prima con un chiodo e poi con la coda di un topo. Il M. decide di mangiarselo comunque e incarica la moglie di cucinarlo. Costei porta il ragazzo in cucina e gli chiede di attizzare il fuoco del camino soffiandoci sopra, ma lui fa lo gnorri; la donna allora prende il suo posto per mostrargli il modo di agire e B. approfitta della posizione da lei assunta per spingerla tra le fiamme e prendere poi la fuga. Si tratta di una fiaba molto diffusa in tutta Europa e particolarmente in Italia, con varianti di minimo conto.
Dialetto: Piemonte

Burgatin
On di lä màmä gh'ha dicc äl Burgatin: "Scuä lä ca e së ti tròvät cui tri sòd ch'j hò përdu iér ti pòdät tëgnäi." Ijlorä lui s'è mëss ä dré scoa su dä pär tütt e l'ha troà ij tri ghèi sott lä cärdenzä; dato chë 'gh piäsevän ij figh l'ha pënsà bëgn dä nàa tòn on cävägnin. Quänd lä mamä l'ha vist cont ij figh ël gh'ha dicc: "Pròvä piäntan vun, che migari vëgn sü lä piäntä e ti pòdät fan 'nä pèll." Lui l'è nacc in l'eurt piäntan vun e 'l di ädré l'ha troà 'nä grän piäntä, giämò cärgà 'd figh; tutt content l'è rämpigà su fin in sciumä e s’è mëss dré päciàa. In t är col pasä dä li 'l Màgò, äl sent frozzàa su pär col figh e 'l dis: "Qua l'è chë suced mai?" Peui, quänd l'ha vist ch'l'evä 'l Burgatin, gh'ha dicc: "Pòrtäm giu 'n figh, chë'l gh'hò vòiä dä tästa s'jn bogn" E 'l mat: "Nò, nò, che dòpo ti'm ciapät!""Ma nò, figürät së vòri portat viä". Mä si, mä nò, mä dai... Ä lä fin ël Burgatin l'è gnu giu portagh ël figh e lui, ‘n prèsä 'n prèsä, ciapäl, infrizzäl dent pä 'n sacch e pòrtäl viä. Quänd l'è ruvà ca sòvä, äl Màgò l'ha vist che 'l mat l'evä francä magär e jlorä l'ha särà su 'n t äl stabiëtt dël peurch pär fal gni grass; tucc i di ägh portavä dä mängia e 'l fieul ël mängiavä su tutt e 'l lasavä indré pòch e vèr aot. Dòpo 'n quai di 'l Màgò l'è nacc la e 'l gh'ha dicc: "Burgatin, mëtt fò 'n digh, chë vòri sentä së t'sè gnu pénä tond" e lui l'ha mëss fòrä 'nä bròcä. L'eurch, chë 'l ghë s-ciäravä miä tänt polit, l'ha tocà pär séntä së l'évä gnü grass, mä l'ha dicc: "Nò, nò, ti sè 'ncorä treupp magär, pòdi miä mängiat onsì. Sta li 'nco 'n quai di e peu vigaromä." Dä li 'na smänä l'è tornà vëgäl e quänd gh'ha dicc dä cäscia fò 'l digh, ël fieul ël gh'ha dacc lä coä d'on ratt."Òh car Signor" l'ha vosà 'l bis-ción. E l'è nacc ëd corsä in lä seu fomnä digh: "Tacä su 'l parieul su lä chëinä e fa nàa col mat, ch'ël vëgn tutt plos". Lä dònä l'ha pärigià tutt e peu l'ha tirà fò 'l Burgatin d'int ël stabiëtt, l'ha minà in cusinä e 'l gh'ha dicc: "Sgòbät giù e bufä 'nt ël feugh, sotä 'l parieul.""Ma mi son notä bón, com l'è chë's fa?.. Chë'm mosträ lei, pär piäsé." Lä Magä, jlorä, s'è snugià giù dät nëgn däl cämin pär bufàa e 'l fieul gh'ha piäntà 'nä grän piscia 'n t ël cul e l'ha traciä dent in lä brascä. Peu l'ha ciäpà l'uss e l'è cors ca sòvä, in la seu mamä. E 'l Màgò, quänd l'è gnu ca, ël podeva 'ncä mängiàa lä seu dònä tutä bruséntä.


Traduzione in italiano

Burgatin
Un giorno la mamma disse a Burgatin: “Scopa la casa e se trovi quei tre soldi che ho perso ieri li puoi tenere.” Allora lui s’è messo a scopare dovunque e ha trovato i tre centesimi sotto la credenza; siccome gli piacevano i fichi ha pensato di andare ad acquistarne un cestello. Quando la mamma lo vide con i fichi gli disse: “Prova a seminarne uno, può darsi che ne cresca un albero e potrai mangiarne a crepapelle.” Il ragazzo si recò nell’orto a piantare un fico e, il giorno seguente, vi trovò l’albero già carico di frutti; felicissimo, si arrampicò fino alla cima e si diede a mangiare. In quel mentre, passò di lì il Mago (orco), che sentendo trafficare sul fico esclamò: “Che succede?” Poi, scorto Burgatin, gli chiese: “Passama un fico anche a me, che ne ho una gran voglia…” E il ragazzo: “Ah, no! Tu non aspetti altro che di rapirmi!”“Ma no, figurati un po’ se ti voglio rapire…” Dopo qualche discussione il ragazzo si lasciò convincere e scese a portagli il frutto, ma l’altro, rapidissimo, lo afferrò, lo ficcò in un sacco e se lo portò via. Giunto a casa propria, il Mago ri rese conto che il ragazzo era decisamente magro, quindi lo rinchiuse nel porcile e lo mise all’ingrasso; ogni giorno lo nutriva e il piccolo mangiava tutto quanto gli veniva offerto senza nulla avanzare. Alcuni giorni più tardi, il Mago chiese a Burgatin: “Porgi un dito, voglio controllare se sei un poco ingrassato.” L’altro porse invece un chiodo e l’orco, ch’era miope, lo tastò e concluse: “No, sei ancora troppo magro, non posso mangiarti così. Sarà meglio che tu resti lì ancora qualche giorno.” Dopo una settimana la scena si ripeté e quella volta il ragazzo gli porse da tastare la coda di un topo.“Accidenti!” gridò il bestione. E corse a cercare la moglie per dirle: “Appendi il paiolo alla catena del camino e cucina quel bambino: mi sta diventando peloso.” La donna preparò ogni cosa, poi fece uscire burgatin dal porcile, lo condusse in cucina e gli disse: “Chinati e soffia sul fuoco, sotto al paiolo.”“Ma io non ne sono capace, come si fa?.. Me lo insegni lei per favore.” La Maga s’inginocchiò davanti al camino per soffiare e il ragazzo le assestò un gran calcio, facendola piombare tra le braci. Poi infilò l’uscio e corse a casa, dalla mamma. E il Mago, al ritorno, si sarebbe dovuto accontentare della moglie, completamente bruciacchiata.

Racconto inviato da: Massim M. Bonin