POESIE - LIGURIA
A mua do Nin

Dialetto: Liguria

A mua do Nin
O l’àiva a buttega de fainotto
A meitæ montâ de San Scimon
E duÎ barbixi comme ‘n baccanotto
Ch’o l’arrissava sempre con pascion.

Tutti i giorni doppo a brusca e striggia
o-a fava beie, poi o ghe dava a biava
parlando a.a mûa comme parlâ a ‘na figgia
intanto o basto addosso o ghe ligàva.

“Mia Bionda, ciù fïto femmo ciù fïto femmo festa,
portemmo a spéisa a-a gente da montâ,
e no sponciäme, tegni ferma a testa
tanto mi o so che o “ domicilio” o no te và.”

Sentivo i seuccai arraspâ in ti mouin
con ægoa, vento, a votte anche co-a giassa,
e mi de corsa andavo incontro a.o Nin
pe retiä a sporta e un tocco de fugassa.

Ma un giorno o Nin o no l’è ciù passòu
mæ moæ a m’ha dïto c’ho l’è andæto in çê.

Chissà se a Bionda appreuvo o s’é portòu
Pe fâ in to Paradiso o carratê.



Dialetto Genovese


Traduzione in italiano

La mula del Nin
Aveva il negozio di panettiere (farinotto)
a metà salita di San Simone
e due favoriti come un signorotto
che arricciava sempre con passione.

Tutti i giorni dopo la brusca e striglia
la faceva bere poi le dava la biada,
parlando alla mula come parlare a una figlia
e intanto il basto addosso le legava.

“Mia Bionda, prima ci sbrighiamo prima facciamo festa,
portiamo la spesa alla gente della salita (montà)
e non spingermi, tieni ferma la testa
tanto lo so che il “domicilio” non ti va.”

Sentivo gli zoccoli arrancare nei mattoni
con acqua, vento, a volte anche col ghiaccio
e io di corsa andavo incontro al Nin
per ritirare la borsa e un pezzo di focaccia.

Ma un giorno il Nin non è più passato,
mia madre mi ha detto che è andato in cielo.

Chissà se la Bionda con sé ha portato
per fare in Paradiso il carrettiere.





Racconto inviato da: Felice Franchello