POESIE - LIGURIA
Aia de Natale

Dialetto: Liguria

Aia de Natale
Luxe scintillanti in te vedrinn-e
tra i rumori assordanti da çittæ,
reste coloræ de lampadinn-e
e donne infreidoie impelissæ.

I maxellæ c’han da dâ in te l’euggio
pe vende i mëgio stalli preparæ
anche l’entrata addobban con l’aofeuggio
coscì fan un sacco de dinæ,

e cornamuse stan sunnando e nenie
mentre a vegetta de rostie
a çende o feugo, ma primma a leva a çenie
pe poei fâ in moddo che o fornello o tïe.

In tutte e gëxe han zà preparòu
un nïo de paggia lì tra l’äse e o beu
co-a Madonna e san Giöxeppe inzenoggiòu
aspëtando che nasce o so figgeu.


Dialetto Genovese


Traduzione in italiano

Aria di Natale
Luci scintillanti nelle vetrine
tra i rumori assordanti della città,
file colorate di lampadine
e donne infreddolite impellicciate.

I macellai che devono attirare l’attenzione
per vendere i pezzi migliori
hanno addobbato l’entrata con l’alloro
così fanno un sacco di denari,

le cornamuse stanno suonando le nenie
mentre la vecchietta delle castagne arrostite
accende il fuoco, ma prima leva la cenere
per fare in modo che il fornello tiri.

In tutte le chiese hanno già preparato
un nido di paglia lì tra l’asino e il bue
con la Madonna e san Giuseppe inginocchiato
aspettando che nasca il loro bambino.



Racconto inviato da: Felice Franchello