POESIE - SICILIA
SICILIANI
Spietato, ma autentico impasto del carattere dei siciliani
Dialetto: Sicilia

SICILIANI
Siemm’i siciliani cuomu l’acitu
Quannu ci divent’u vinu sbintatu,
Cà nasciemmu beddi cuomu la terra
E divintammu da speci da limarra.

Passammu di carusi la iurnata
Ca l’ariu ni canta la sirinata,
China d’acieddi e vienti liggieri
Ca sient’u duci trasiri do cori.

Li so carattiri l’Etna ni detti
Tirrimoti viulent’e maliditti,
Eruzioni, lava nivur’e nivi
De’ menti e de’ cori li surgivi….

Li chiani dill’aranci e de’ lumeddi
Stralucinu di quantu sunu beddi
E llinghinu lu cori d’alligria,
Di libirtà, di malindrinaria….

E quann’è l’ura di pinsar’a vita,
Ca lu tiempu macina com’a rota,
Ppi chiddu ca disii nun c’è puostu,
La to terra rispunni “C’è l’abbastu!”

C’è cu si ni v’a circari pp’o munnu
Di truvari pp’a so vita nu ‘ngannu,
Cuomu s’a terra ch’ognunu scarpisa
Av’u stiss’oduri e nun ti pisa….

E ca si campa miegghiu unna si sta
Si c’è travagghiu e si trov’amistà,
Macari ch’on si vidinu li stiddi
E li genti unn’hanu facci beddi.

Cu resta, do strittu rimischìa
Ppi campar’e truvarisi ‘na via,
Circannu tutt’i santi ‘n paradisu
“Ti dugnu la ma vita, ccussì trasu”,

Ch’è nu scurzu sulu ppi lu putenti,
Ca ‘n’atra strata c’è pronta ppi tanti,
Ca nascieru signat’a dilinguenti
Ppi la miseria unn’è dè striscianti,

Chidda di ‘bbannuanri la civirtà
Trasiennu dill’unurata suggità
Ca ni luvà l’onur’e siciliani
E ni ittà pp’o munnu ‘n mmucc’on cani!

Ma lu cchiossai di li siciliani
Nunn’arrinniemm’a lu distinu ‘nfami,
Circammu strati ca sanu d’onuri
Ca li figghi si ni puonu vantari,

Vuliemmu ‘na Sicilia tutta nova
Ch’a lu munnu pò dari giusta prova
Di lu so cori ranni quant’u mari,
Di ‘na civirtà di specchiu sulari.



Traduzione in italiano

SICILIANI
Siam i siciliani come l’aceto
Quando ci diventa il vino sventato,
Nasciam belli come la nostra terra
E diventiamo specie di limarra.

Passiam da ragazzi la giornata
Che l’aria ci canta la serenata,
Piena d’uccelli e venti leggeri
Che senti il dolce entrar nel cuore.

I suoi caratteri l’Etna ci dette
Terremoti violenti e maledetti,
Eruzioni, lava nera e neve
Delle menti e dei cuori la sorgiva…

Le piane degli aranci e dei limoni
Straluciano di quanto son belli
E riempion il cuore d’allegria
Di libertà , di malandrine ria…

E vien l’ora di pensar alla vita
Che il tempo macina com’una ruota,
Per ciò che desideri non c’è posto
La tua terra risponde “C’è l’abbasto”

C’è chi va a cercare per il mondo
Di trovar per la sua vita un inganno
Come se la terra ch’ognun scarpisa
Avesse ugual odor e non ti pesa…

E che si vive meglio ove si sta
Se c’è lavoro e si trova amistà,
Anche se non si vedono le stelle
E le genti non han le facce belle.

Chi resta, nello stretto rimischia
Per campar e trovar un’altra via,
Cercando tutt’i santi del paradiso
“Toi do la mia vita, così traso”,

Ch’è scorciatoia solo pei potenti
Mentr’altra strada c’è pronta per tanti,
Che nacquero segnati a delinquenti
Per la miseria in ogni dove strisciante,

Quella d’abbandonar la civiltà
Entrando nell’onorata società
Che ha tolto l’onore ai siciliani
Gettandoci pel mondo in bocca ai cani!

Ma la più parte dei siciliani
Non ci arrendiam al destino infame,
Cerchiamo strade che sappian d’onore
Che i figli se ne possan vantare,

Vogliamo una Sicilia tutta nuova
Che al mondo possa dar giusta prova
Del suo cuore grande quant’il mare,
Di una civiltà da specchio solare.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina