POESIE - LOMBARDIA
'Na Sciùra in trenu
Immagino un'Europa, che non viaggia più scomoda e traversata sul dorso del mitologico toro, come é stata rappresentata da molti pittori nel passato (ancora ricordo un toro bonaccione del Tiepolo e quello molto più vivo ed efficace di un quadro famoso di Picasso) ma, comodamente seduta in uno scompartimento di un vagone del Treno Alta Velocità, transitante in una delle tante stazioni dove i treni non si fermano più e il servizio è stato sospeso. Mi domando se la Signora, quest'Europa della finanza, della libera circolazione delle merci e delle persone ma non ancora completamente compiuta dai popoli che la compongono, sia contenta. Il treno passando veloce fa vorticare, con il vento che genera, un vecchio giornale. Ma il vento non sa leggere. Non legge la poesia in terza pagina, né, in fondo alla prima, un trafiletto sul treno alta velocità. Passato il treno non resta nulla: solo il vento che non sa leggere e il dubbio che la signora, sul treno, sia felice.
Dialetto: Lombardia

'Na Sciùra in trenu
L'è passaa… Gh'è restà dumà 'l veent.
Un vent bass, ras a tera, e un föj,
un föj vécc da giurnâl che ul vent
al möö scià e là in sül griis du la strava.
Ul vent e nagott.
Un vent baltréscàan ca lêg mia
in terza pagina la puesia ca parla d'amuur
né, in fund a la prima,
dul viagg TGV - Brüxell / Milàan,
e che l'è pü 'n paesàan
a guidà cul brasc biótt ul tör dul nost teemp.
Gh'è restà dumà 'l veent,
nient 'altar che 'l veent. Nanca un caan,
a la staziun vegia d'ra feruvia,
indua sa ferma pü 'l trenu
e Lee setava, pü a travèrzûn (quantumenu),
la và, senza tema o paüra, sicüra.
Ma in sül föj dul giurnâl sbatüvia
gh'è mia sü, se 'l cöör du la Sciura
che mò viàgia svelta e comuda in feruvia,
l'è cuntèent. Tant l'è istéss…
L'è passaa….gh'è restà dumà 'l veent…
e ul veent, pürtropp, al lég mia.

Paolo Pozzi



1° premio al concorso nazionale di poesia Varsleisa 2002 - Vercelli



Traduzione in italiano

Una Signora in treno
E' passato… E' rimasto solo il vento.
Un vento basso, raso a terra, e un foglio,
un foglio vecchio di giornale che il vento
muove qua e là sul grigio della strada. (ferrata)
Un vento e niente.
Un vento buono a nulla che non legge
in terza pagina la poesia che parla d'amore,
ne, in fondo alla prima,
del viaggio T.G.V. Bruxell/ Milano,
e che non è più un paesano
a guidare con il braccio nudo il toro del nostro tempo.
E' rimasto solo il vento. Neanche un cane,
nella vecchia stazione della ferrovia
dove non si ferma più il treno
e Lei seduta non più di traverso (quantomeno),
và, senza timore o paura, sicura.
Ma sul foglio di giornale gettato via
non sta scritto, se il cuore della Signora
che ora viaggia svelta e comoda in ferrovia
è contento. Tanto è lo stesso…
E' passato… è rimasto solo il vento…
E il vento, purtroppo, non legge.


Racconto inviato da: Paolo Pozzi - Stresa