POESIE - VENETO
SPA£ANCA £A BOCA
E' un rituale magico per liberarsi di una possessione malefica. Xè on rituae majco par £ibararse de na posesion ma£efega. Il simbolo "£" corrisponde al suono "l" non prunciato o pronunciato appena- appena. Si chiama "elle evanescente" e con il computer nel WEB l'unico segno grafico che si avicina è "£".
Dialetto: Veneto

SPA£ANCA £A BOCA
SPA£ANCA £A BOCA

Varda in facia el so£
e daghe fià a£a to vose!

Spa£anca £a boca e sìga,
sìga, sìga forte,
cò tuto el fià ke te ghè rènto.

Sìga e spùa fòra el rospo,
kel gròpo ke te sòfega da dòxento ani!

Asa ke £e punte de£e to raìxe
se vèrxa in tel sol!

Spà£anca £a boca e sìga, sìga,
£asa ke £e to raìxe
ghe dàga fià a£a £engoa
e sìga e canta.

Canta co tuta l’anema,
co tuto el fià ke te ghè rènto,
e ke par ogni contrà
£a to vose sia portà dal vento
e kel sol te senta e rida co ti.

Spà£anca £a boca e sìga
sìga e canta ne£a to £engoa vera!

Canta e ridi,
ridi, ridi e canta e sìga!

Ke tuti senta,
ke tuti senta £a to vose,
£a vose de£e to raìxe,
de£a to anema, del to sangue
ke gà el co£or de£a to tera.

£asa ke £a vita ciapi £a muxica de£a to vose e ba£a,
ba£a fin ke ti si straco
e sìga e canta e ridi in tel so£,
sensa timor e rosor,
fin kè ogni raìxa e graneo del to corpo
no i vìbri co £a muxica de£a to tera.

Sìga e ridi,
ridi e canta
co £a voce de£e to raìxe
e ba£a, ba£a in tel so£!




Traduzione in italiano

SPALANCA LA BOCCA
SPALANCA LA BOCCA

Guarda in faccia il sole
e dai fiato alla tua voce.

Spalanca la bocca e grida,
grida, grida forte,
con tutto il fiato che hai dentro.

Grida e sputa fuori il rospo,
quel groppo che ti soffoca da duecento anni.

Lascia che le tue radici
si schiudano nel sole.

Spalanca la bocca e grida, grida,
lascia che le tue radici
diano fiato alla tua lingua,
e grida e canta!

Canta con tutta l'anima,
con tutto il fiato che hai dentro
e che in ogni contrada
la tua voce sia portata dal vento
e che il sole ti senta e rida con te.

Spalanca la bocca e grida
grida e canta nella tua vera lingua!

Canta e ridi,
ridi, ridi e canta e grida!

Che tutti sentano,
che tutti sentano la tua voce,
la voce delle tue radici,
della tua anima, del tuo sangue
che ha il color della tua terra.

Lascia che la vita
prenda la musica della tua voce e balla
balla finchè non sarai sfinito,
egrida e canta e ridi nel sole,
senza timore nè rossore,
finchè ogni radice e ganello del tuo corpo
non vibrino con la musica della tua terra.

Grida e ridi,
ridi e canta
con la voce delle tue radici
e balla, balla nel sole!







Racconto inviato da: Alberto Pento