POESIE - CALABRIA
’A FRANA
I continui problemi e disastri che travagliano l’Italia sono dovuti, nel 90% dei casi, a responsabilità umane. La frana di cui non si parla è quella dello Stato! (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

’A FRANA
Si parra, ’i settimana an settimana,
r’i tanti vâi chi ndi capitannu,
r’i bboschi chi nd”a ’stati, cosa srrana,
si bbrùciunu o, sambatti, ’i ’ncendïannu;

d’u terrimotu chi pprocura dannu;
mentri ’a muntagna a ccârchi pparti frana,
nteri paìsi a mmari si ndi vannu
e nta ’stu mundu ’a paci si ’lluntana.

Ddifintau, ’a pulìtica, nu zannu,
na rridìcula ssciarra paisana.
Chiàcchjri, troppi chiàcchjri si fannu!

Mentri un guvernu sscindi e nn’âtru nchiana
i Capi fannu finta chi nn”o sannu:
franau u Statu, ’a sucità nosrrana!

(16-02-2010)




Traduzione in italiano

LA FRANA
Si parla, di settimana in settimana,
dei tanti guai che ci càpitano,
dei boschi che in estate, cosa strana,
si bruciano o, forse, li incendiano;

del terremoto che procura danno;
mentre la montagna da qualche parte frana,
interi paesi a mare se ne vanno
e in questo mondo la pace s’allontana.

È diventata, la politica, uno scherzo,
una ridicola lite paesana.
Chiacchiere, troppe chiacchiere si fanno!

Mentre un governo scende e un altro sale
i Capi fanno finta che non sanno:
è franato lo Stato, la nostra società!

(16-02-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI