POESIE - LAZIO
La giostra

Dialetto: Lazio

La giostra
Come ‘na rota gira e nun s’aresta..
cammina piano..quanno sei cicètto..
ma dòppo core sempre un po’ più lesta
come ‘na giostra quanno fai un giretto.

Stai sopra quella rota ch’è impazzita..
che vola puro si voi annà più piano..
ce stai incollato.. sei ‘na calamita…
e voli..come sopra ‘n aeroplano.

Intorno er mònno pare meno vero..
se mescola er colore a li contorni;
er rosso inzieme ar giallo, ar bianco e ar nero..
se confonneno tutti li dintorni.

Nun ce capisci più..quasi più gnente..
tutto t’appare sempre più sfocato..
la vista te s’annebbia e pe’ la gente
sei solo un poro bòccio malannato!



Traduzione in italiano

La giostra
Come una ruota gira e non si ferma...
cammina lentamente quando sei un bambino..
ma poi corre sempre più in fretta
come una giostra quando ci fai un giretto.

Sati sopra quella ruota che sembra impazzita...
che vola anche se tu vorresti andasse più lentamente...
ci stai incollato... sei come una calamita...
e ti sembra di volare..come su di un aereoplano.

Intorno il mondo è confuso...
i colori ed i contorni si mescolano;
il rosso con il giallo, il bianco con il nero...
si confondono tutti i dintorni.

Non ci capisci più niente...
tutto appare sfocato...
la vista si annebbia e per le persone
sei soltanto un povero vecchio malandato!

Racconto inviato da: Paola Durantini