POESIE - LIGURIA
Desideriu

Dialetto: Liguria

Desideriu
Chissà che-u me lïghe
a-e stradde antighe
querte in ta stäe
de püe e sô?

A pë descosi
riföle quarch’otta
e turna sentì
i anèli ceppi
a-e mäe cavìgge.

E in te cunchìgge
de täere zerbe
richêugge möe
e drento rivive
de-in giurnu e föe,

anche pè pocu!


Traduzione in italiano

Desiderio
Chissà che cosa mi lega (=lïghe)
alle strade antiche
coperte (=querte) nell’estate
da polvere (=püe) e sole ?.

A piedi scalzi (=descosi)
ripercorrerle (=riföle) qualche volta (=quarch’otta)
e tornare a sentire
gli anelli tepidi (=ceppi)
alle mie caviglie (=cavigge).

E nelle insenature (=cunchigge)
delle terre non coltivate (=zerbe)
raccogliere (=richêugge) more (=möe)
e dentro rivivere
le favole di un tempo

anche se per poco!.


Racconto inviato da: Luigi Panero de Leua