POESIE - LIGURIA
Doppu che-u l’è ciêuvuo

Dialetto: Liguria

Doppu che-u l’è ciêuvuo
Ma foscia u nu ciêuve
ciù: gh’è inturnu poxe
grande e duçe:
da-e rame, da-e fêugge
se stacca l’urtime
gusse d’argentu.
Na’ bova de ventu
intanto a se lëva,
a sciuga in po’,
a drêuve nivue,
a ciama sô.


Muntagne nette,
oudù de violette,
e-u rian cuntentu
che rïe a sentu
sutta a-u barcun.

Sun frescu drentu,
fresco fêua:
me sentu lëgiu,
tuttu lavon,
e-a sgöu cu-i sbïri
che in çê fan rêua.


Traduzione in italiano

Dopo la piggia
Forse non piove
più: tutt’intorno c’è una pace
grande e dolce;
dai rami, dalle foglie
si staccano le ultime
gocce d’argento:
Una bava di vento intanto
si alza,- e asciuga un poco,
e apre le nuvole
e chiama il sole.

Montagne limpide:
odore di violette,
e il torrente contento
sento che ride
sotto al balcone.

Sono fresco dentro,
fresco fuori:
mi sento leggero (=lëgiu)
tutto lavato
e volo (=sgou) con i rondoni (=sbïri)
che nel cielo fanno ruota (=rêua).

Racconto inviato da: Luigi Panero