POESIE - ABRUZZO
Lu Mastre Scalpelline
Un sonetto che vuole descrive una delle attività più nobili che caratterizzavano la nostra Regione (e il mio paese San Valentino in Abruzzo Citeriore ndr). Un mestiere che va sempre più scomparendo ma che resterà per sempre nei nostri borghi con la testimonianza della pietra "ricamata" in opere d'arti.
Dialetto: Abruzzo

Lu Mastre Scalpelline
Supre a sta culline
nobbele ene l'arte
de li mastre scalpelline,
persune 'nghe na dote apparte.

Spezzune de prete trasfurmate
a capetelle, stepete e camine
'nghe sangue e martellate,
curiuse se fà la forme che s'avvicine.

Oh Mastre, Mastre lundane,
arte toste e delecate,
mo 'mbacce a st'arie paesane

stenghe 'nghe la Majelle abbracciate
che me dice: "Peje sta prete ggendile
e purtele a lu Mastre Scalpelline!"


Traduzione in italiano

Il Maestro Scalpellino
Sopra questa collina
nobile è l'arte
dei maestri scalpellini,
persone con notevoli doti.

Pezzi di pietra trsformati
in capitelli, architravi e caminetti
con sangue e martellate,
curiosa si fa la forma che s'avvicina.

Oh, maestro, maestro lontano,
arte dura e delicata,
adesso davanti quest'area paesana

sto con la Majella abbracciato
che mi dice:" Prendi questa pietra gentile
e portala al Maestro Scalpellino!"

Racconto inviato da: Dino D'Alessandro