POESIE - ABRUZZO
Nenguenne
La neve... è stata da sempre per me qualcosa di magico svegliarmi la mattina e osservare tutto bianco, tutto magicamente incantato. Un'altra realtà, la neve rende ancora di più magici questi paesi rivestendoli di calori umani e di nuove tradizioni.
Dialetto: Abruzzo

Nenguenne
Cumbà, maddemane 'gna maje sviate
'nze sendeve nende, tutte taceve,
allore aije penzate:" Vu vedè ca' 'ngaciate!"

E tande na state, aije aperte lu balcune,
e nu presepe m'aije truvate annenze
tutte bianghe! Ogni pendune!
Le case parevene fende!

Quande nengue, stu paijese cagne veste,
e cumbà, pare ca pure nu cagneme,
stu paijese s'areveste a feste,

e la tradiziune vò ca la cepolla sfrette se magneme.
Le Mundagne sembrene chiù vicine,
cumbà, quand'ena bella sta culline!


Traduzione in italiano

Nevicata
Compare, questa mattina quando mi sono alzato,
non si sentiva niente, tutto taceva,
allora ho pensato:" Vuoi vedere che ha nevicato!".

E così era, ho aperto la finestra,
e un presepe mi son trovato innanzi
tutto bianco! Ogni angolo!
Le case sembravano finte!

Quando nevica, questo paese cambia veste,
e compare, sembra che anche noi cambiamo,
questo paese si veste a festa,

e la tradizione vuole che la cipolla soffritta noi dobbiamo mangiare.
I monti sembrano più vicini,
compare, quanto è bella questa collina!

Racconto inviato da: Dino D'Alessandro