POESIE - CALABRIA
‘A MÙSICA NON CÀNGIA
Gli scandali si susseguono, la corruzione imperversa ma coloro che non hanno voluto istituire una Commissione d’indagine sul fenomeno dicono oggi che quella attuale... non è un’altra tangentopoli! (Testo in dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

‘A MÙSICA NON CÀNGIA
‘Nticamenti i cavernìculi,
rrozzi cchiù d’u sscimpanzè,
rricurrìvunu ‘o papàviru
non sapendu fari u tè.

Po’, c’u scùrriri d’i sèculi,
nassci u fumu, u narghilè;
l’omu cerca mi si èccita
c’u cacau e cc’u cafè.

Vècchj e ggiùvini si drògunu
stanchi d’èssiri travè,
non travàgghiunu, non sùrunu,
vònnu, tutti, fari i rre.

Disonesti senza scrùpuli,
ncuminciandu… ch’i bebè,
ti currùmpunu, ti stùprunu…
Fatti sìnguli? Macchè!
Non è nn’âtra tangentòpuli
pirchì ssempi… chidda è!

(24-02-2010)


Traduzione in italiano

LA MUSICA NON CAMBIA
Anticamente i cavernìcoli,
rozzi più dello scimpanzè,
ricorrevano al papàvero
non sapendo fare il tè.

Poi, con lo scorrere dei secoli,
nasce il fumo, il narghilè;
l’uomo cerca di eccitarsi
col cacao e col caffé.

Vecchi e giovani si drogano
stanchi d’essere travet,
non lavorano, non sùdano,
vòglion, tutti, fare i re.

Disonesti senza scrupoli,
cominciando coi bambini,
ti corrompono, ti stùprano…
Fatti singoli? Macché!
Non è un’altra tangentopoli
perché sempre… quella è!

(24-02-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI