POESIE - CALABRIA
CUNSÌGGHJ
Consigli necessari al cliente disgustato dalla pietanza che gli propinano... e pure indeciso sul da farsi. (Testo in dialetto calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

CUNSÌGGHJ
U pòpulu supporta. È ‘bbituatu
mi senti diri Statu di dirittu
sapendu chi nci sèrbunu u stufatu
chi ssapi ‘i fumu niru e dd’ògghiu frittu.

Ma eu, chi ssu’ pueta ‘lluminatu,
sentu u duviri di non stari zzittu:
‘o maru Cristu, sulu, scunzulatu,
pirciò nci nzignu... mi si faci ddrittu.

È rrisaputu, non s’atteni nenti
cu llamenteli, cu pprutesti e cchianti:
si fannu sulu chiàcchjri an bacanti.

Dipendi sulu ‘i nui, d’i crïenti.
Bbasta, rristandu aniti a ll’âtra ggenti,
cangiari srrata. E ppuru rristoranti!

(24-02-2010)


Traduzione in italiano

CONSIGLI
Il popolo sopporta. È abituato
a sentir dire Stato di diritto
sapendo che gli servon lo stufato
pregno di fumo nero e d’olio fritto.

Ma io, che son poeta illuminato,
sento il dovere di non stare zitto:
al gramo Cristo, solo, sconsolato,
perciò gl’insegno... a dimostrarsi dritto.

È risaputo, non si ottiene niente
con lamentele, con proteste e pianti:
si fanno solo chiacchiere a vuoto.

Dipende soltanto da noi, dai clienti.
Basta, restando uniti a l’altra gente,
cambiare strada. E pure ristorante!

(24-02-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI