POESIE - CAMPANIA
O’ Tressette
da CAMPANIA 6 Luglio 2004
Dialetto: Campania

O’ Tressette
Comme me piace na ‘ napuletana’ !
che, nun è na guaglione e Margellina.
pecchè sarria na cosa ‘o vere’ strana.
che all’età mia corresse ...’a cavallina.
Io v’a vurrie spiegà, ma è complicato
È chella d’o’ tressette o quadrigliato

Stu juoco’ e carte, nuie partenopei
l’amm’e m’parate dalla prima età,
cussì comm’ai guaglioni degli Achei.
devene e’ frecce pe’ saperle usà
“ Mutatis mutanda “ ...mò ncè vo!
Cagneteve’ e’ mutande ...o rieste no!

E’ certe che nun simme più guerrieri.
Ci hamma tenè però in allenamento
Cu tanta guai, cu tutti sti pensieri,
‘a vita è sempe nu combattimento
Facenne na’ partita all’occorrenza.
Ci assicuramme la…sopravvivenza.

Ma avimm’e fa’ attenzione a non sbaglià
O’ tressette nun è na cosa ‘e niente
Ce vò nu studio ..’na capacità.
Hai’ essere ,insomma, competente
Ca’ si o’ cumpagne tuie nun guarde o’ scarto
Pierde “cappotte” e po’ venì n’infarto

Si consiglia’ u controllo d’a’ pressione.
Pecchè s’allucca e ognune accusa a n’ato
Ogne vota se fa na discussione
Ma comme jouche! ...ma chi te l’ha m’parato!
Fai l’aucellone...ma mo’ rispunne a me:
Si cc’à pigli’io, pecchè passi nu tre ?

Ieri sera ce’ simme appiccicato
E hamme decise ; nun iucamme cchiù!
Ma... proprio mmo’ ...m’hanno telefonato
Ccà simme a quatte. Viene pure tu?
VENGO ...cu e’ gocce per l’aritmia.
Perciò...nun fennesco...sta poesia!!!!


Traduzione in italiano

Il Tressette
Come mi piace una ‘napoletana’!
che, non è una ragazza di Mergellina
perché sarebbe una cosa veramente strana
che alla mia età… corressi “la cavallina”.
Io ve la vorrei spiegare , ma è complicato
E’ quella del tressette o quadrigliati

Questo gioco di carte , noi Partenopei,
l’abbiamo imparato dalla prima età,
così come ai ragazzi degli Achei
davano le frecce per saperle usare
“ Mutatis mutanda” adesso ci vuole..
Cambiatevi le..mutande .. il resto…no!

E’ certo che ora non siamo più guerrieri.
Ci dobbiamo però tenere in allenamento
Con tanti guai, con tutti questi pensieri,
la vita è sempre un combattimento
facendo una partita, all’occorrenza
Ci assicuriamo la...sopravvivenza

Ma dobbiamo badare a non sbagliare
Il tressette non è una cosa da poco
Ci vuole uno studio, una capacità
Devi essere,insomma, competente
Che se il compagno non guarda lo scarto
perdi “cappotto “ e può venire un infarto

Si consiglia un controllo della pressione
Perché si grida,e ognuno accusa l’altro
Ogni volta si fa una discussione
Ma come giochi! Ma chi tel’ha insegnato!
Fai il gradasso. Ma ora rispondemi
Se qui prendo io, perché passi un tre?

Ieri sera ci siamo bisticciati
e abbiamo deciso: non giochiamo più!
Ma proprio adesso mi hanno telefonato
Qui siamo in quattro: Vieni anche tu?
VENGO… con le gocce d’adrenalina
Perciò...non finisco...questa poesia!!!!

Racconto inviato da: RENATO MASTROCINQUE