POESIE - LIGURIA
A conetta

Dialetto: Liguria

A conetta
A restiä appeisa a quello ciòu d’asâ
ciantòu pe meitæ in ta muagia storta
a rente ao letto de færo battûo
che quarchedun vendiä fito ao straççê.

Rosäio sgranou pe tante seie
da man sempre ciù càreghe de rughe!,
Quante orazioìn dïte anche in po’ a spedìa
servìe pe tegnî insemme ‘na famiggia!

Fede e speransa attreuvæ a poco prexo,
ma d’un valore che o sa d’infinìo,
han dæto a forsa e ‘na raxon pe vive
in ti momenti da desperaziòn.

A cönetta da vëgia andæta a moî
in t’un candido letto dell’uspiâ
a l’è ancon lì in to scûo da stansa véua;
no l’ha vosciua nisciùn, no l’han çergâ.

Dialetto Genovese


Traduzione in italiano

La corona del rosario
Resterà appesa a quel chiodo d’acciaio
piantato per metà nel muro storto
vicino al letto di ferro battuto
che qualcuno presto venderà allo stracciaio.

Rosario sgranato per tante sere
da mani sempre più piene di rughe!
Quante preghiere dette un poco alla volta
servite per tenere in piedi una famiglia!

Fede e speranza trovate a poco prezzo
ma d’un valore che sa d’infinito,
hanno dato la forza e una ragione per vivere
nei momenti di disperazione.

La coroncina della vecchia andata a morire
in un candido letto d’ospedale
è ancora lì nel buio d’una camera vuota
nessuno l’ha voluta, non l’hanno cercata.

Racconto inviato da: Antonio Canepa