POESIE - PIEMONTE
ME NONU …..

Dialetto: Piemonte

ME NONU …..
Ciao nonu i tè lasame
i tè ‘ndatnu sa punta di pè
sensa mai lamentete
e sensa disturbè

I tè nen lasame ricüsse
casin-ne e paras
ma i tè lasame ra cosa pì bela
i tè lasame ra gioia, ra stima e ra pas

Fin-na ür Parcu u-rè già lamentase
cut senta pi nen cantè
‘n processiun a ra matin
a Mussa e ra seira ar rosari a preghè

U-smia mac er quand ieva masnà
‘t rivavi stanc da travaiè
‘n bras i tün piavi e po’ tün vardavi
e si to snui tün favi balè

Ogni tant i vard là ‘n cul cantun
‘n mes a cui arneis dür to mustè
e i pens ai sacrifisi chi pös nen dismüntiè
che un toc üd pan ‘t vagnavi travaiand da cariè

Oh nonu cume n’umbra ‘t veg dausin da mi
chi tün cumpagni nöc e dì
cun ür to bel suris
cume n’Angel üd Nusgnù mandà dar Paradis.






Traduzione in italiano

MIO NONNO...
Ciao nonno mi hai lasciato
te ne sei andato in punta di piedi
senza mai lamentarsi
e senza mai disturbare

Non mi hai lasciato ricchezze
cascine e palazzi
ma mi hai lasciato la cosa più bella
la gioia, la stima e la pace

Persino il Parroco si è rammaricato
perché non ti sente più cantare
nelle processioni e al mattino
a messa e alla sera al rosario a pregare

Sembra solo ieri quando ero bambino
arrivavi stanco dal lavoro
e in braccio mi prendevi e mi guardavi
e poi sulle tue ginocchia mi facevi ballare

Ogni tanto guardo in quell’angolo
in mezzo a quei arnesi del tuo mestiere
e penso ai sacrifici e non posso dimenticare
che un pezzo di pane guadagnavi lavorando da calzolaio

Oh nonno come un ombra ti vedo vicino a me
che mi accompagni di notte e di giorno
con il tuo bel sorriso
come un Angelo del Signore mandato dal Paradiso.


Racconto inviato da: Vinai Giovanni