POESIE - ABRUZZO
Lu pazzià de la hatte
Nel gioco di questo animale ci sono delle assonanze con i comportamenti di alcune persone, che se nel gatto acquistano fascino e simpatia nelle persone non si puo dire lo stesso... (nota 1)Lu màzzamarille: Si tratta di una figura ricorrente nei racconti popolari della Val Vibrata simile a un folletto o un elfo che si diverte facendo dispetti alle persone.
Dialetto: Abruzzo

Lu pazzià de la hatte
De notte t’se vede sole l’ucchie bille
s’ nné fuscie pe’ la campanella
che purte appesa
te se po’ scagnà pe’ nu màzzamarille.

Nira ndà lu carvò
na vodda che t’ si acquattate
birbe ndà na volpe
povere chi t’ha passate.

La vùlija de pazzià mai t’ scorta?
Avasta na corda o na palletta
e li frichì se n’ te se compra
t’ sa reporta .

Pe’ na carezza
t’ pu struscià nu ‘cò,
ma pe’ li padrenustre…
mbe, sole na jéttinizia ce vò .



Traduzione in italiano

Il gioco della gatta
Di notte ti si vedono solo gl’occhi luminosi
se non fosse per il sonaglio
che porti al collo
qualcuno potrebbe scambiarti per un màzzamarille (nota1).

Nera come il carbone
una volta che ti sei acquattata
furba come una volpe
povero chi ti è passato davanti.

Il desiderio di giocare non ti esaurisce mai?
Basta una corda o una pallina
e i bambini se non ti comprano
vorrebbero averti lo stesso.

Per una carezza
ti puoi strusciare un po’
ma per le fusa…
Be’, occorre solo una leccornia.


Racconto inviato da: Concetto Di Francesco