POESIE - CALABRIA
i ddu’ furni||
Qui si narra d’un fornaio egoista, furbastro, che per volere troppo perderà tutto! (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

i ddu’ furni||
Si cunta d’un furnaru ngordu assai,
ch”e primi luci ’i ll’arba, ogni mmatina,
mbèci mi dormi va circandu vâi
e ttrafichìa cu llèvitu e ffarina.

Teni ddu’ furni. No’ rriposa mai.
Nzigna a ll’àutri comu si cucina:
a mmanca nfurna pani p’i massai,
a ddesrra còci durci e ccrostatina.

Nu mottu, tantu sàggiu quantu vècchiu,
dici: Cu’ troppu vòli nenti attèni.
E ’stu furnaru, c’u so’ vai e vveni,

fermàndusi ogni ttantu avanti ’o spècchiu,
bbrùcia tuttu, pigghiàndula… ntel sècchiu,
comu rinnu a Ffirenzi. Nci cumbeni?

(28-01-2010)




Traduzione in italiano

i due forni||
Si conta d’un fornaio ingordo assai,
che alle prime luci dell’alba, ogni mattina,
anziché dormire va cercando guai
e tràffica con lievito e farina.

Tiene due forni. Non riposa mai.
Insegna agli altri come si cucina:
a manca inforna pane per le massaie,
a destra cuoce dolci e crostatina.

Un motto, tanto saggio quanto vecchio,
dice: Chi troppo vuole niente ottiene.
E questo fornaio, col suo andare e venire,

fermandosi ogni tanto avanti allo specchio,
brucia tutto, prendèndola… nel secchio,
come dicono a Firenze. Gli conviene?

(28-01-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI