POESIE - CALABRIA
’ddu sòlitu alleatu||
Si discute del sòlito fornaio, ch’oggi s’atteggia pure a moralista. (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

’ddu sòlitu alleatu||
U furnaru s”a pìgghia c’u Guvernu,
dici ch’u Prisirenti è bbravu assai
mi parra sulu e ssempi d’i so’ vâi,
pirò trascura ogni pprubrema internu.

”Eu, pòpulu, –susteni– ti vutai
mi travàgghj pi ttutti, ’stati e mbernu
e nnon pi ddifintari un patraternu
chi nnon penza ’e malati, a ll’opirai”.

Nu discursu mpurtanti an prima vista,
ma chi ccumbinci pocu o nenti, datu
ch’u furnaru è ’ddu sòlitu alleatu

ch’oggi s’attèggia a ssàggiu moralista
prontu mi càngia opinïoni e llista
cumbintu ch”a pulìtica è mmircatu!

(21-03-2010)


Traduzione in italiano

quel sòlito alleato||
Il fornaio se la prende col Governo,
dice che il Presidente è bravo assai
a parlar solo e sempre dei suoi guai,
però trascura ogni problema interno.

”Io, popolo, –sostiene– ti votai
per dedicarti a tutti, estate e inverno
e non per diventare un padreterno
che non pensa ai malati, agli operai”.

Un discorso importante a prima vista,
ma che convince poco o niente, dato
che il fornaio è quel sòlito alleato

ch’oggi s’atteggia a saggio moralista
pronto a cambiare opinïoni e lista
certo che la politica è mercato!

(21-03-2010)

Racconto inviato da: MAMUNI