POESIE - CALABRIA
Ti dassu paisi meu
Nella lirica l’autore parla di un giovane contadino che per motivi di bisogno in famiglia e tanta fame emigra all’Estero. Una carica di sentimenti e di ricordi legati al passato lo demoralizzano a lasciare la famiglia ed il suo paese natio.
Dialetto: Calabria

Ti dassu paisi meu
Pajisi und’eu niscia a nutti fundda
vinni l’ura i sai cheu ti lassu,
‘magginari nu mpoi qunt’eu suffru
ora chi rrivau l’ura i fazzu u passu.
Ntrà me’ casa haju assai bisuognu e
ammalu vori mu sai thaju a dassari,
a sira pirò quando trasu ntrà stanza
pinzu a ttia e vegnu o dilìriari.
Nu pinzzeru haju inttra umè ciriveju
quando passu ju mari assai funddu (oceano)
tremu nummi u bastimentu si ffunda
ca umenttunu i soffirenzi ttundu ttundu.
Addiu acqua frisca che ccali a mariaci
addiu genti chi Vi firmmati i mbiviti,
ciàu parenti du pakisi chi vviviti.
Circundatu si i cierssi e castagnai
rinfriscatu d’amuri cu è cu ttia
ntrù curi però haju ‘na spina che pungi
cassu a ttia pajisi e a mè jania.
Avvuti u bisuognu caccia u culu da seggia
e jiri u faci puru se tteni malatia,
vint’anni aviva quando assai a ttia
cu parenti, amici, mamma e puru a mè zia,
Chi duluri, chi suffirinza inccoju pi mia
quando ajù mumentu scasau u bastimentu,
amici, parenti e famighja mbandunai
ma còmu vuzzi Diu dopu anni durmmia o mè lettu.



Traduzione in italiano

TI LASCIO PAESE MIO
Paese dove io sono nato a notte fonda
è venuta l’ora che tu sappia che vado via,
immaginare non puoi quanto io soffra
ora che è arrivata l’ora di fare il passo.
In casa mia c’è tanto bisogno ed
a malincuore, lo sai, ti devo lasciare,
la sera, però, quanto entro in camera
penso a te e mi sento impazzire.
Un pensiero mi rode il cervello
quando attraverserò quel mare assai fondo,
tremo al pensiero che la nave affondi,
e aumentano tanto le mie sofferenze.
Addio acqua fresca che scorri a “mariaci”
addio gente che vi soffermate a bere,
addio ruscelli di “pascalina” e “bumbuliti”.
ciao parenti che vivete in questo paese.
Circondato sei da querce e castagneti
rinfrescato dall’amore di chi ti vive;
dentro il cuore, ho però una spina che punge
che lascio te paese e la mia discendenza.
A volte il bisogno fa svegliare la gente
ed andare lo fa, anche se malato,
vent’anni avevo quando ti ho lasciato
con parenti, amici, mamma e pure mia zia.
Che dolore, che sofferenza addosso a me
quando in quel momento è partito il bastimento,
amici, parenti e famiglia abbandonai
ma per volere di Dio, dopo anni, riposo nel mio letto.


Racconto inviato da: catalano esterino