POESIE - CALABRIA
'NGRATITUDINI
L’ingratitudine umana non conosce limiti! (cinque ottave in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

'NGRATITUDINI
Quandu ntô millinovicentuottu
Rrìggiu e Mmissina, fattu a ttutti notu,
p’u ‘randi terrimotu e mmarimotu
subbiru na catàsrrufa di bbottu
no’ nc’era Bbrunu Vespa Prutetturi
nè Bbertolasu gran Lavuraturi.
Rrassignatu, ‘ddu pòpulu civili
pinzau: Curpa d”a natura ostili.
Cârcosa comu centumila morti
e pp’i pòviri Cristi ch”a scamparu
bbarracchi chi pp’un sèculu rristaru
senza finesrri, spissu senza porti…
Nd’èppimu aiuti rrussi d”a Marina
e ll’orfaneddi, a spisi d”a Rriggina,
tant’anni a Rroma p’evitari u pèggiu,
comu me’ mamma, chiusi ntôn cullèggiu.
Nuddu rricorda cchiù li sacrifici
r”a ggenti, ‘ttanagghiata di paura
ma capaci mi sùpira ‘a sbintura
c”a sulidariità, rristandu amici.
Di terrimoti nc’è na longa storia
ma r’iddi l’omu perdi la mimoria;
pirsuni ‘ngrati, pi nnon diri vili,
mmàncunu oggi di bbòn senzu e stili.
Nta qquattru, cincu misi èppiru casi
dignitusi, cu mmòbbili muderni,
pïatti, carta iggènica, quaderni
p’i fìgghj, pirò sunnu pursuasi
ch”a rrinàsscita avveni lentamenti,
ch’u Statu dormi, non cumbina nenti
e gghjàrmunu traggèdii, chiassati
p’i macèrii ch’ancora su’ ntê srrati!
‘Ngratitùdini umana! O furberìa?!
Mi stàiu cumbincendu sempi cchiùni
chi tterrimoti, frani, alluvïuni
su’ ccausati ‘i ll’omu, chi zannìa
ch’i cosi sèrii, si cumporta mali,
tradissci l’equilìbbriu naturali,
si fingi vìttima r’u Patraternu
e mmiràculi vôli d’u Guvernu.
(06-04-2010)




Traduzione in italiano

INGRATITUDINE
Quando nel millenovecentootto
Reggio e Messina, fatto a tutti noto,
per il grande terremoto e maremoto
subirono una catastrofe di botto
non c’era Bruno Vespa Protettore
né Bertolaso gran Lavoratore.
Rassegnato, quel popolo civile
“Colpa –pensò– della natura ostile”.
Qualcosa come centomila morti
e per i poveri Cristi che la scamparono
baracche che per un secolo restarono
senza finestre, spesso senza porte…
Ricevemmo aiuti russi dalla Marina
e gli orfanelli, a spese della Regina,
tanti anni a Roma per evitare il peggio,
come mia madre, chiusi in un collegio.
Nessuno più ricorda i sacrifici
della gente, attanagliata di paura
ma capace di superare la sventura
con la solidarietà, restando amici.
Di terremoti c’è una lunga storia
ma di essi l’uomo perde la memoria;
persone ingrate, per non dire vili,
màncano oggi di buon senso e stile.
In quattro, cinque mesi hanno avuto case
dignitose, con mobili moderni,
pïatti, carta igienica, quaderni
per i fìgli, però son persuasi
che la rinascita avviene lentamente,
che lo Stato dorme, non combina niente
e pòngono in essere tragedie, chiassate
per le macerie ancora sulle strade!
Ingratitudine umana! O furbizia?!
Mi sto convincendo sempre più
che terremoti, frane, alluvïoni
sono causati dall’uomo, il quale scherza
con le cose serie, si comporta male,
tradisce l’equilibrio naturale,
si finge vittima del Padreterno
e miracoli vuole dal Governo.
(06-04-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI