POESIE - CALABRIA
pecuruni a vvita
“Cesso lordo” è un’espressione popolare che rende bene l’idea di un ambiente sporco, lurido anche sotto il profilo morale. (sonetto inedito in dialetto reggino)
Dialetto: Calabria

pecuruni a vvita
Ê tempi r”a bbonànima d”a lira
lu nosrru mundu era ggià fàzu e ngordu
pirò putivi diri, vôta e ggira,
chi ‘stu Paisi… non baliva un sordu.

Oggi, c’u tira e mmolla, molla e ttira,
si nzùrtunu e ssi mèntunu r’accordu
pi nnon fari i rriformi. Si rrispira
puzza di cessu, sì, di “cessu lordu”.

Nu pòpulu chi ssoffri, e ccu rraggiuni,
ma si rrassegna no’ mmi nd’àvi cori,
passa la vita comu a ‘ddi pirsuni

chi vvìvunu mi còvunu rrancori...
Campa facendu sempi u pecuruni
e pprestu o tardu pecuruni mori!

(26-04-2010)


Traduzione in italiano

pecorone a vita
Ai tempi della buonànima della lira
il nostro mondo era già falso e ingordo
però potevi dire, volta e gira,
che questo Paese… non valeva un soldo.

Oggi, col tira e molla, molla e tira,
s’insultano e si mettono d’accordo
per non fare le riforme. Si respira
puzza di cesso, sì, di “cesso lordo”.

Un popolo che soffre, e con ragione,
ma si rassegna a non avere cuore,
passa la vita come a quelle persone

che vivono covando rancore...
Campa facendo sempre il pecorone
e presto o tardi pecorone muore!

(26-04-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI