POESIE - SICILIA
L'EBBICA NOSCIA
Il nostro tempo si caratterizza per una serie di quadri negativi. E allora?
Dialetto: Sicilia

L'EBBICA NOSCIA
E’ l’ebbica di la farfantaria
Ch’a sula virità mi par a mia
La vuci di cu chiù forti vannia
Di cu de’ ‘mbruogghi canusci la via….

E’ l’ebbica di li prufissionisti
Ch’e porti da giustizia sunu guasti,
Si cerca la ragiuni ccu’e pritisti
‘Ntilligintuna parunu li viesti…

E’ l’ebbica ca sunu carzarati
Cu roba agghi, cipudd’e patati,
Cu roba li miliard’è cunnannatu
A cumannar e fariti curnutu….

E’ l’ebbica di li genti picciddi
Senza testa né manu, ma beddi,
Ca chiddu ca vali è cumpariri
Macari ch’onn’hai nenti do cori….

E’ l’ebbica di cu è ca è ‘gnoranti
Ca di Scienz’e Littra nun sapi nenti
Ma pratica li genti suprastanti
“M’ha serviri e mintiti li guanti!”

E’ l’ebbica ca voli li Vilini
Ch’e fimmini han aviri li catini
Ppi piacir a lu re di li dinari
Ch’ognuna servi ppi lu so piaciri…

E’ l’ebbica ca c’è travagghiu picca
Quant’u pani ‘rriva di la vucca,
Famigghia nenti, è lussu ppi picca
E ti ‘ccusinu ca batti la fiacca….

E’ l’ebbica ca nun si vò stranieri
Ca li diversi sunu cammareri,
Ca li guai de’ poviri ‘un su’ veri
“Cu è senza piccatu s’ha cunfissari!”

E’ l’ebbica de’ cosi…do riviersu,
La ‘mpurtanza nun è de’ dui all’arsu
Senza sacchetta china sugnu persu,
Mi sientu mai saziu, sempri scarsu…

Chista è l’ebbica to e la mia
Unna si campa sul i gilusia,
Lu cielu sapi di malincunia
Si mangia la mududd’a virmisia.

E allura? Campar è ‘na cunnanna?
Ah, no! La vita è cuomu si dumanna,
Avi lu spiritu di lu divinu,
Piaci ppi lu vacanti e lu chinu.



Traduzione in italiano

L'EPOCA NOSTRA
E’ l’epoca nostra della bugia
E la sola verità sembra’a mia
La voce di chi più forte vannia
Di chi degl’imbrogli conosce la via…

E’ l’epoca nostra dei professionisti
Chè le porte della giustizia son guaste
Si cerca la ragione coi pretesti
Intelligentoni sembran le bestie….

E’ l’epoca che sono carcerati
Chi ruba agli, cipoll’e patate
Chi ruba miliardi è condannato
A comandar e a farti cornuto…

E’ l’epoca della gente piccola
Senza testa né mani, ma bella,
Perchè ciò che vale è comparire
Magari che hai nulla nel cuore….

E’ l’epoca di chi è ignorante
Che di Scienz’e Lettere non sa niente
Ma pratica la gente soprastante
“Devi servirm’e mettiti i guanti!”

E’ l’epoca che vuole le Veline
Che le donne abbiano le catene
Per piacere al duca dei denari
Ch’ognuna serve per i suoi piaceri….

E’ l’epoca che c’è lavoro picca
Chè il pane arriv’a stento alla bocca,
Famiglie niente, è lusso per picca
E ti accusan di battere la fiacca……

E’ l’epoca che non si voglion stranieri
Che i diversi sian servitori,
Che i guai dei poveri non son veri
“Chi è senza peccato s’ha da confessare!”

E’ l’epoca delle cose…all’incontrario,
L’importanza non va dal due all’asso
Senza saccoccia piena son perso
Non sono mai sazio, sempre scarso….

Questa è l’epoca tua e la mia
Quando si campa sol di gelosia,
Il ciel odora di malinconia
Si mangia il cervello la vermisia.

E allora? Campar è una condanna?
Ah, no! La vita è come si domanda,
Ha lo stesso spirito del divino,
Piace per il vacante ed il pieno.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina