POESIE - MOLISE
Mulise

Dialetto: Molise

Mulise
Stiè attùrteruàte 'mbacce all'appennine,
te sié annascuòscte all'uocchie de nesciùne;
te sié 'nzerràte, e fore mare e terra
fiène cumbiìne 'gne re mesengùne.

T'jene lassate ciende e ciende pecra
re pecherière ca ze n'jéne jute,
e 'n'zè degniète manghe Criscte muorte
de pasce chisse terre cannarùte.

Tu t'ire crise ca re figlie te, jute lundane
turnassere a 'ssa mandra!
Ma z'jéne sparpagliète pe re munne;
de lore t'è arremascta sole 'n'ombra.



Traduzione in italiano

Molise
Abbandonato: a un fianco dell'appennino,
ti sei nascosto agli occhi di nessuno,
ti sei rinchiuso, e fuori, mare e terra
stabiliscono un confine; tanto per farlo.

Ti hanno lasciato cento e cento pecore
i pastori costretti a emigrare.
Non si è degnato neppure Cristo morto,
di pascolare queste terre avare.

Avevi sperato che la tua gente
andata lontano, un giorno potesse tornare.
Si sono sparsi per il mondo;
di loro ti è rimasta solo un'ombra.

Racconto inviato da: gustavo tempesta