POESIE - CALABRIA
SA CIRCAU!
Si rischia spesso di passare dalla parte del torto per la leggerezza o la malafede con cui si formulano alcune accuse. (sonetto inedito in dial. calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

SA CIRCAU!
Si senti diri spissu: «Sa circau!»,
quasi cu ttonu di cundanna, quandu
Tìziu o Caiu na pena sta scuntandu
o, pirfinu ca morti, ggià pavau.

Pô ddarsi chi ppi ccasu si truvau,
mentri tranquillu stava passïandu,
massisti a nu spettàculu nefandu
e ccu nci curpa no ncià pirdunau.

No! «Sa circau!» non si poti diri
quandu cârcunu, còmplici u Putiri,
u cundanna pi ccurpi chi nnon àvi.

I citadini, oggi, ànna ssapiri
difèndiri i diritti, si ssu bbravi;
cuntrastari i suprusi. Non su schiavi!

(10-09-2010)




Traduzione in italiano

SE LÈ CERCATA!
Si sente dire spesso: «Se lè cercata!»,
quasi con tono di condanna, quando
Tìzio o Caio una pena sta scontando
o, perfino con la morte, ha già pagato.

Può darsi che per caso sè trovato,
mentre tranquillo stava passeggiando,
ad assistere a uno spettacolo nefando
e il colpevole... non glielha perdonata.

No! «Se lè cercata!» non si può dire
quando qualcuno, complice il Potere,
lo condanna per colpe che non ha.

I cittadini, oggi, debbono sapere
difendere i diritti, se sono bravi;
contrastare i soprusi. Non sono schiavi!

(10-09-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI