POESIE - MARCHE
Come a 'nu scolaréttu
È la mimesis dello stato d'animo di un contadino semi-analfabeta del Fermano del Primo Dopoguerra, il quale si scopre innamorato della giovane maestra elementare del paese: un amore pertanto impossibile per lui, data la differenza di ceto e d'istruzione...
Dialetto: Marche

Come a 'nu scolaréttu
Scî tróppu bélla,
scî tróppu fîna
pe' mmé, che so' solu 'n
contadi' 'gnorànte!

Tu scî jîta a la scôla,
scî studiato bê - e tàntu.
Tu scî 'struita,
e parli cuscí bê
che a capìtte quasi
'n me 'cce stròvo!

Ma lu côre mio
me s'abbutùra
quanno che 'tte vedo lègge,
tutta 'ntenta a studia'
la lezio' pe' li frichí 'ttua
de scôla:

me batte tantu,
come a 'nu scolaréttu
che c'aësse ancora
da 'mpara' tuttu quantu
dell'amóre!



Traduzione in italiano

Come ad uno scolaretto
Sei troppo bella,
sei troppo fine
per me che sono solo
un contadino ignorante!

Sei andata a scuola
ed hai studiato bene - e molto.
Sei istruita, e parli tanto bene
che quasi non riesco a capirti!

Ma il cuore
mi s'aggroviglia
quando ti vedo leggere,
tutta intenta a studiare
la lezione per i tuoi ragazzini
di scuola:

mi batte tanto,
come ad uno scolaretto
che dovesse imparare
ancora tutto
dell'amore!


Racconto inviato da: Mimmo Iommi