POESIE - ABRUZZO
Natale
Riscoprire il Natale come un dono d'amore.
Dialetto: Abruzzo

Natale
Nu RRè jè nate stanotte,
jè nate dentre a na grotta,
nu cjetele piccole e bbelle…
l’arescalle nu vove e n’asenelle.

Lu segne jè state na stelle
ma, pé Qujelle, n’ha portate ccose bbelle.
Nu RRe senza piume e né armature,
che cumbatte da sole pè ttutte lj piccature.

Nu Rre che ttè tande curagge,
e a ognjune di noi, da sembre ci cunzòle…
na speranze… na bbona parole
esce pè ttutte, da chela vocca de fiore.

Nu cetele RRe che n’ghe nu surrise
ci a ricorde de fà sembre bbone vise
acchè la sorte e acchè lu dulore
cche ognune se porte dentre a lu core.

Nu RRe jè nate stanotte,
jè nate dentre a na grotta,
curaggje, ne le lasseme fòre,
ognune la rescàllèsse dentre a lu còre.



Traduzione in italiano

Natale
Un Re è nato stanotte,
è nato dentro una grotta,
un bimbo piccolo e bello…
lo scaldano un bove e un’asinello.

Il segno è stato una stella
ma per Quello, non ha portato cose belle.
Un Re senza piume e armature,
che combatte da solo per tutti i peccatori.

Un Re che ha tanto coraggio
e ad ognuno di noi, da sempre ci consola…
una speranza… una buona parola
esce per tutti, da quella bocca di fiore.

Un bambino Re che con un sorriso
ci ricorda di fare sempre buon viso
a quella sorte e a quel dolore
che ognuno si porta dentro al cuore.

Un Re è nato stanotte,
è nato dentro ad una grotta,
coraggio, non lasciamolo fuori,
ognuno lo riscaldi dentro al cuore.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci