POESIE - ABRUZZO
A ppatreme
L'amore ed il ricordo verso un padre che è stato un grande uomo...
Dialetto: Abruzzo

A ppatreme
SSé màne… a pà, fànne m’brìssìjòne,
quanda vòte m’hanne fàtte da prutizzijòne;
gròsse… chè la màné mé cé sé perdéve,
ma ogni vòte mè c’aretrùvève.

Mò sònne màne che hànne fatìjàte,
sònne màne che vònne rìpòse,
…sòpra a‘ssù llètte fàtte de dùlòre…
màije nù laménte… cùlpìscé a lu còre.

Quànde dùlòre t’ha dàte stù fije,
màje tè sò cércàte, mànghe pè nu cùnzìje;
e, oggi ch’è pàssàte pùre l’ànne pè mmè,
vénghe a ssù llétte …pe’ ccércà a ‘ttè.

Dàmme na vòce, dìmme cche ffà
ppè crèsce stù fije, còme a jà fà.
Tu mé guérde l’ucchje e nnè dìce paròle,
ma jé sénte chiàre ssù pinzijére dè dùlòre:

“ Fija mè, che bbòcche ti dìche,
ffà come hànne fàtte tùtte l’antìjche;
addùséle sòle la vòce de lu còre
e… mmèttece tànta pàcìjénze e amòre”.



Traduzione in italiano

A mio padre
Quelle mani…padre, fanno impressione,
quante volte mi hanno fatto da protezione;
grosse… che le mie mani ci si perdevano,
ma ogni volta mi ci ritorovavo.

Ora sono mani che hanno lavorato,
sono mani che vogliono riposo,
…su quel letto fatto di dolore…
mai un lamento…colpisce il cuore.

Quanto dolore ti ha dato questo figlio,
mai ti ho cercatto, neppure per un consiglio;
e, oggi che son passati pure gli anni per me,
vengo al tuo capezzale…in cerca di te.

Dammi una voce, dimmi cosa fare
Per crescere questo figlio, come devo fare.
Tu mi guardi gli occhi e non dici parola,
ma io sento chiaro quel pensiero di dolore:

“Figlio mio, che vuoi che ti dica,
fai come han fatto tutti gli antichi;
ascolta soltanto la voce del cuore
e…mettici tanta pazienza ed amore”.


Racconto inviato da: Giovanni Ricci