POESIE - CALABRIA
Giùdici onniputenti
Nel riformare l’Amministrazione della Giustizia, va tenuta presente la volontà popolare. (sonetto inedito in dial. calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

Giùdici onniputenti
P”a Costituzzïoni di 'stu Statu
tutti i sintenzi e ll'atti di cundanna
di cumpitenza su’ d'u maggisrratu,
ch’essendu n’omu rrìschia mi si nganna.

P'u Còdici penali l'imputatu
n”o pô tuccari mancu cu na canna:
bbona cundutta, rritu abbrevïatu…
Mùntunu i bbenefici comu panna.

'A tulliranza 'i ll’äutorità,
nu ggiùdici bbonista senza lena
e la sintenza ddifintau na sscena

d'un còmicu tïatru 'i variità.
Si rridduci a mmità di la mità
la cundanna. P'u rreu puru la pena!

(22-10-2010)




Traduzione in italiano

Giudici onnipotenti
Per la Costituzione di questo Stato
tutte le sentenze e gli atti di condanna
sono di competenza del magistrato,
che essendo un uomo rischia che s’inganna.

Per il Codice penale l'imputato
non puoi toccarlo nemmeno con una canna:
buona condotta, rito abbreviato...
Montano i benefici come panna.

La tolleranza dell'autorità,
un giudice buonista senza lena
e la sentenza diviene una scena

di un comico teatro di varietà.
Si riduce a metà della metà
la condanna. Per il reo pure la pena!

(22-10-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI