POESIE - CALABRIA
«‘A casta»
In Italia c’è una casta… che più casta non si può! Quella degli innocenti, onesti comuni mortali. (sonetto inedito in dial. calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

«‘A casta»
Fu pprubbicatu un libbru, tempu fa,
ch’eppi diffusïuni ‘randi, vasta.
Trattava un tema d’attualità;
u tìtulu non era longu: «‘A Casta».

U singulari non s’addici, c”a
vita rreàli u tìtulu cuntrasta.
Oggi sapimu chi nt”a sucità
di casti nd’àvi troppi, na catasta.

‘Nc’è cchidda r’i partiti, ‘i ll’abbucati,
d’i ggiudicanti, di ll’indusrrïali,
d’i mèrici, d’i bbossi d’i ggiurnali,

di gruppi organizzati… o ‘bbandunati
comu ‘a casta d’i tanti scappisciati
fatta d’onesti, pòviri mortali.

(23-10-2010)




Traduzione in italiano

«la casta»
Fu pubblicato un libbro, tempo fa,
ch’ebbe diffusione grande, vasta.
Trattava un tema d’attualità;
il titolo non era lungo: «La Casta».

Il singolare non si addice, con la
vita reale il titolo contrasta.
Oggi sappiamo che nella società
di caste ce n’è troppe, una catasta.

C’è quella dei partiti, degli avvocati,
dei giudicanti, degli industriali,
dei medici, dei boss dei giornali,

di gruppi organizzati… o abbandonati
come la casta dei tanti calpestati
fatta d’onesti, poveri mortali.

(23-10-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI