POESIE - CALABRIA
lìbbiru arbìtriu
L’essere umano è davvero libero di autodeterminarsi? (sonetto inedito in dial. calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

lìbbiru arbìtriu
Si ppiscamu nt”a storia d’un passatu
chi ssi cunfundi spissu c”a liggenda,
supr’a ll’òcchj ‘a Furtuna àvi na bbenda,
‘a Fidi è ddonu chi ndi veni datu.

Partendu ‘i ‘sta premessa, u rrisurtatu
porta a na cunsiquenza ch’è ttrimenda:
cu’ àvi casa ‘randi e nno’ na tenda
non fu vvalenti, è ssulu furtunatu.

Si ddi pregari lu bbisognu senti
pirchì nd’avisti u donu di la Fidi,
sî bbenvolutu di ll’Onniputenti.

È ffattu chistu, nompirò, chi srridi
c”a vuluntà di ll’omu. Non sî nnenti!
Apposta, forsi, … l’infedeli rridi.

(24-10-2010)




Traduzione in italiano

libero arbitrio
Se peschiamo nella storia d’un passato
che si confonde spesso con la leggenda,
sopra agli occhi la Fortuna ha una benda,
la Fede è dono che ci viene dato.

Partendo da questa premessa, il risultato
porta a una conseguenza ch’è tremenda:
chi ha una casa grande e no una tenda
non fu valente, è solo fortunato.

Se di pregare tu il bisogno senti
perché hai avuto il dono della Fede,
sei benvoluto dall’Onnipotente.

È fatto questo, tuttavia, che stride
con la volontà dell’uomo. Non sei niente!
Apposta, forse, … l’infedele rride.

(24-10-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI