POESIE - CALABRIA
Comu Ponziu Pilatu
Il sacrificio di Cristo, più che in chiesa con la celebrazione della Messa, si rinnova con chi imita Ponzio Pilato. (Sonetto inedito in dial. calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

Comu Ponziu Pilatu
Nci pot’èssiri cu’ non prega a Ccristu
e nnega puru ch’esti Figghiu ‘i Ddiu.
Eu chi nnon sugnu, certu, n’omu piu,
mi sentu mali quandu rìnnu chistu.

No, n”o difendu, sulamenti ‘nzistu
pi ddiri chi ffu n’omu e ch’esistìu.
Cu’ àvi fidi sapi chi ssuffrìu
tantu si bbonu fu oppuru tristu.

Patìu sutt’a Ppònziu Pilatu
suffirenzi ‘i non diri, disumani.
U sacrifìciu soi è rrinnovatu

vistu chi ttanti mari cristïani
scùntunu n’ipotèticu piccatu
pirchì nc’è ssempi cu’ si lava i mani.

(25-10-2010)




Traduzione in italiano

Come Ponzio Pilato
Può esserci chi non prega Cristo
e nega pure ch’è Figlio di Dio.
Io che non sono, certo, un uomo pio,
mi sento male quando dicono questo.

No, non lo difendo, solamente insisto
per dire che fu uomo e ch’è esistito.
Chi ha fede sa che soffrì
tanto se fu buono oppure cattivo.

Patì sotto Ponzio Pilato
sofferenze indicibili, disumane.
Il sacrifìcio suo è rinnovato

visto che tante persone innocenti
scontano un ipotetico peccato
perché c’è sempre chi si lava le mani.

(25-10-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI