POESIE - CALABRIA
Propòsiti “sinisrri”
Continuano gli attacchi alla famiglia. Anche la Chiesa sembra stia a guardare! (Sonetto inedito in calabro-reggino)
Dialetto: Calabria

Propòsiti “sinisrri”
L’âtru jòrnu u Cunsìgghiu d’i minisrri
‘pprovau un disignu ‘i leggi ch’è sleali:
si vônnu equiparari, nt”e rreggisrri,
ê leggìttimi i fìgghj naturali.

I sòliti propòsiti “sinisrri”
pi scassari ‘a famìgghia ch’è llegali.
È ccomu s”o Mircatu, nt”e cannisrri
mbrìschiunu pissci, durci e vveggetali!

U rrispettu pi ttutta ‘a figghiolanza
è pprubbrema specìficu d’u Statu.
Cu’ nassci p’un soprusu o srravaganza

non è ggiustu mi veni ‘bbandunatu,
ma depredari cu’ crisscìu an custanza
di matrimòniu è ppèggiu. È nu rreatu!

(31-10-2010)




Traduzione in italiano

Propositi “sinistri”
L’altro giorno il Consiglio dei ministri
ha approvato un disegno di legge ch’è sleale:
si vogliono equiparare, nei registri,
ai legittimi i fìgli naturali.

I soliti propositi “sinistri”
per distruggere la famiglia ch’è legale.
È come se al Mercato, nei canestri
mischiano pesci, dolci e vegetali!

Il rispetto per tutta la figliolanza
è probblema specifico dello Stato.
Chi nasce per un sopruso o stravaganza

non è giusto che venga abbandonato,
ma depredare chi è cresciuto in costanza
di matrimònio è peggio. È un reato!

(31-10-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI