POESIE - CALABRIA
No’ ndi putimu lamentari
Spesso gli uomini definiscono disgrazie i guai che non sanno prevedere ed evitare. (Sonetto inedito in lingua calabro-reggina)
Dialetto: Calabria

No’ ndi putimu lamentari
‘A nosrra non è tterra sbinturata
si tterrimoti, frani, alluvïuni
morti cagiùnunu e ddisruzzïuni.
È tterra malamente amminisrrata.

Na libbirtà dannusa, ‘saggirata
faci pèrdiri u lumi d”a rraggiuni
a ll’amminisrraturi d’u Comuni,
rrei ‘i na crìsscita non cuntrullata.

Si cosrruissci senza un chianu sèriu,
si spèndunu na bbarca di rinari
e ssi disbosca senza cchiù critèriu.

Cu’ sbàgghia o rròbba s’àv’a ccundannari!
Ambeci … si cunzenti u pandimòniu.
Ropu, no’ ndi putimu lamentari.

(13-11-2010)




Traduzione in italiano

Non possiamo lamentarci
La nostra non è terra sventurata
se terremoti, frane, alluvioni
morti cagionano e distruzioni.
È terra malamente amministrata.

Una libertà dannosa, esagerata
fa perdere il lume della ragione
agli amministratori del Comune,
rrei d’una crèscita non controllata.

Si costruisce senza un piano serio,
si spendono una barca di denari
e si disbosca senza più criterio.

Chi sbaglia o ruba dèvesi condannare!
Invece … si consente il pandemonio.
Dopo, non ci possiamo lamentare.

(13-11-2010)



Racconto inviato da: MAMUNI