POESIE - MARCHE
Lu core mé
Una sera il mio cuore.....
Dialetto: Marche

Lu core mé
'Stasera lu patro' de casa mé,
s'è mistu a fà lu stranu 'mbo' de più,
me'ssè'nvugatu, me stregne e me fà piagne....
Ma che deo fà?
poesse che deo corre a lu spedà?

Mé 'rmango zitta,
mé metto un 'mbo' a sedé, 'llongo le zambe...
ce metto la mà!
Oh patro' ma che stai a fà?
ti sci 'mmattitu,no' stai a 'rraccapezzà?
Curri come lu endu, sci 'ccelleratu.....ma meglio cusci
...che se t'eri fermatu!


Traduzione in italiano

Il mio cuore
questa sera il padrone di casa mia,
si è un po' stranito;
và molto veloce , stringe e fà piangere.
Ma cosa devo fare?
può essere che devo andare all'ospedale?

Rimango zitta,
mi metto un pò a sedere,allungo le gambe...
ci metto la mano.
Oh padrone ma che stai a fare,
sei ammattito,non capisci più?
corri come il vento, sei accellerato....ma meglio così
...che se ti eri fermato.

Racconto inviato da: Raffaela Cotini