POESIE - ABRUZZO
Capedanne 2010
Le speranze che riponiamo in ogni capodanno...
Dialetto: Abruzzo

Capedanne 2010
Ésse; jè arrévàte; capedànne, finalménte,
me ggìre arréte e véde tutte scùre,
lu ddùmilennòve se ne jìte de sicùre,
n’anne fatte di piante, de morte e di paùre.

Quanta còse s’è pijàte chell’ànne,
quanta mòrte ha lassàte pé stràde;
se n’è jìte patréme n’ghe tànte dulòre,
cascàte jè le càse n’ghe tànte trémòre.

Tànta fatije pé nen guadagnà nijénte
tante lu State nen n’ze ne ‘mbòrte nijénte,
fànne figùre sòle ssà ggénte
che pruméttene tànte e nen dànne nijénte.

Po’… mmezze a sta disperazijòne
guarde stu fije e retròve na cosa bbòne…
s’à déplòmàte, a na scòla fàsulle,
che déntre a la còcce le ijdée nén frùlle;

tànta spéranze je ténghe pe ésse,
ma lònghe jè chist’ànne ch’abbìje n’salìte.
Dàtte cùragge, n’tabbàtte pe qquésse,
còrcéte le màniche e affrònte la vìte.


Traduzione in italiano

Capodanno 2010
Ecco; è arrivato; capodanno, finalmente,
mi giro indietro e vedo tutto scuro,
il duemilanove se n’è andato di sicuro,
un anno fatto di pianti, di morte e di paura.

Quante cose s’è preso quell’anno,
quanti morti ha lasciato per strada;
sé n’è andato mio padre con tanto dolore,
cascate son le case con tanto tremore.

Tanta fatica per non guadagnar niente,
tanto lo Stato non se ne importa niente
fanno figura solo quella gente
che promettono tanto e non danno niente.

Poi… in mezzo a questa disperazione
guardo questo figlio e trovo una cosa buona
s’è diplomato, in una scuola fasulla,
che in testa le idee non frullano;

tanta speranza io tengo per lui,
ma lungo è quest’anno che s’avvia in salita.
Datti coraggio, non abbatterti per questo,
còrciati le maniche ed affronta la vita.

Racconto inviato da: Giovanni Ricci