POESIE - SICILIA
SPITTANN'A PRIMAVERA DI SICILIA
Il senore della primavera siciliana si avverte come un'attesa che è già grande gioia.
Dialetto: Sicilia

SPITTANN'A PRIMAVERA DI SICILIA
Li sciuri liinu ‘n capu li macchi
A mumentu ci su’ li minnulicchi,
Si ‘ngrossunu li minni di li vacchi
Ch’è duci la pisedda ppi li vucchi….

Lu suli nun sazìa mai li spaddi
Si leva lu giarnusu di la peddi,
Nun c’è mancu ‘na viesta di li staddi
Si ettinu do ‘mmiernu tutt’i ruoddi….

Resta ‘na viscia ca tagghia la facci
Si cercunu li ziti ccu l’affacci,
Lu ciel è tuttu carricu di ricci
De’ turrena ci trasi ccu li tacci.

Si spettinu li cen’i San Giuseppi
Di lu Carrivali cu n’appi n’appi,
Si priparinu pp’a Pasqua li drappi,
Li ragni di la lagnusia scippi,

C’è ‘n’atra aria e ‘n atru satrumi
Ca lu to cori ogni sira ‘ddumi,
L’acieddi ‘mmienz’all’arbuli de’ rami
Cantinu ca ‘rriva chiddu ca brami.













Traduzione in italiano

ASPETTANDO LA PRIMAVERA DI SICILIA
I fiori liano sopra gli alberi
A momenti è tempo di mandorle,
S’ingrossan le mammelle delle vacche
Son dolci i piselli per le bocche….

Il sole non sazia mai le spalle
Si leva il biancore della pelle,
Non c’è una sola bestia nelle stalle
Si gettan dell’inverno le vestigia….

Resta un vento che taglia la faccia
Si cercan i fidanzati con gli affacci,
Il cielo è tutto carico di ricci
Nei terreni si entra con le tacce.

S’aspettano le cene di San Giuseppe
Del Carnevale non resta nulla,
Si preparano per la Pasqua i drappi
I ragni della lagnosia scippi,

C’è un’altra aria e altro sentire
Col quale il cuor ogni sera accendi,
Gli uccelli tra gli alberi nei rami
Cantan che arriva ciò che brami.





















Racconto inviato da: Giuseppe Messina