POESIE - ABRUZZO
3 e 32. Dédicàte a l’Aquéla
6 aprile 2009/2011 A due anni dal terremoto l'Aquila che non ancora ha le ali per volare. Dedicata a tutti gli aquilani ed a quelli, anche non de l'Aquila, che hanno perso i propri cari.
Dialetto: Abruzzo

3 e 32. Dédicàte a l’Aquéla
3 e 32:
muménde de terròre;
lu jiorne che nasce,
la céttà che ssé mòre.

Làsséne le càse sicùre,
lu spazije a lu tèrròre,
tra morte e pàùre
trascòrréne li òre.

Uocchije apérte e sbarràte
Cche ccèrchéne a lu scùre
La vije d’èsse rénate
Tra làcére di mùre.

Polvére e ssàngue,
làcréme e grìde,
jiè la cettà cche llàngùe
a recércà la vìte.

Fèrme, se ne scjtà,
cuscjè sàlde e mmòte,
la cettà àncòre pèste
da trémòre e càscjta

ca decìde vònne
come a da récomengjà
a mmònte a ssì muntàgne
l’Aquéla a ffà vulà.


Traduzione in italiano

3 e 32 Dedicata a L’Aquila
3 e 32:
momenti di terrore;
il giorno che nasce,
la città che muore.

Lascian le case sicure,
gli spazi al terrore
tra morte e paure,
trascorron le ore.

Occhi aperti e sbarrati
che cercano nello scuro
la via dell'esser rinati
tra laceri di muro.

Polvere e sangue,
lacrime e grida,
è la città che langue
nel ricercar la vita.

Ferma, resta,
ben salda e immota,
la città ancor pesta
da tremore e casta

che decider voglion
come continuare
sui superbi monti,
l'Aquila far volare.

Racconto inviato da: Giovanni Ricci