POESIE - SICILIA
METIRI CCU'E CUMPARI
La comparanza è l'essenza stessa della solidarietà nel mondo contadino del meridione d'Italia
Dialetto: Sicilia

METIRI CCU'E CUMPARI
Cu mitiva de’ Chiani lu frummientu
E d’essiri lu primu avia vantu,
S’ava purtari li cumpari all’antu
E lu travaju divintava ‘ncantu….

Lu suli spaccava surdu la terra
La fauci ccu’e manu fa la guerra
‘Ntesta ‘na pajetta ppi nun muriri
Ma ch’è bellu parrari ccu’e cumpari…..

‘E novi tutti a ruocchiu pp’a mangiata
Cumpa’ Liboriu ‘na sarda cunsata
Mi detti, d’acitu rienu e uogghiu
“C’è ‘a racina, spetta ch’a va cuogghiu”….

‘U vinu è cavudu, ma si ni cala
‘Mminez’i battuti di Tutiddu e Cola
E ridunu l’acieddi ccu’e cumpari
Ppi chiddu ch’o munnu nun s’ha scurdari.



























Traduzione in italiano

MIETERE CON I COMPARI
Chi mieteva nelle Piana il frumento
E d’esser il più bravo avea vanto
Doveva portar i compari all’anto
E il lavoro diventava incanto…..

Il sole spaccava sordido la terra
La falce con le mani fa la guerra
In testa una paglietta per non morire
Ma ch’è bello parlar con i compari….

Alle nove tutti a rocchio per la mangiata
Compar Liborio una sarda consata
Mi diede, d’aceto origano e olio
“C’è l’uva, spetta che ne raccolgo”…..

Il vino è caldo, ma se ne cala
Tra le battute di Turiddu e Cola
E ridono gli uccelli con i compari
Per quel che il mondo non deve scordare.


Racconto inviato da: Giuseppe Messina