POESIE - BASILICATA
Pecché l'àmo acciso a Pisacane?
La storia dolorosa e crudele di Pisacane ci riguarda, come cilentani. Ne faccio un'analisi nuova, strana, ma alquanto verosimile. La sua fine crudele fu, forse, dovuta all'arretratezza della terra del Cilento. Purtroppo.
Dialetto: Basilicata

Pecché l'àmo acciso a Pisacane?
Pecché l'àmo acciso a Pisacane?
Orla lo fuosso l'àmo acciso,
cientocinquantanni fa,
com'a 'nna trappina
accisa a botte re cantùni
iettàti cco furia ra criatùri
c'àno paura re lo scuro.

Ng'erano puri le pètre iettàte
ra gente com'a mmi.
Ma chi 'nn'armào dde mmano
contr'a Carlo ca s'era illuso
ch'èramo pronti ppe la libbertà?

'Nne 'mpengèro 'mmano
'nno forcone, 'nn'accetta.

Pecché no lo facemmo
manco parlà a Pisacane
e l'acciremmo orla lo fuosso
prima re trase a Sanza, addove
'nno cippo nìoro,
cco lo colore re la morte,
ancora òi stai ddà
a nge 'nzengà
quanto furono bestie
li vavi nuosti.

Dda barbaria
conzumata a le porte re Sanza,
cco le capane ca sonàro a distesa
ppe tutto lo Ciliento,
come quanno se sonàva la tofa
a le marine ppe li turchi
ca spontavano ra lo mari,
l'àmo paàta cara.
Ancora òi la paàmo
nun sapìmo buono chi sìmo,
chi vulìmo esse,
chi putìmo esse.

Eramo gente lucana
sana, fatecatora e forte
ma no ancora libbera inta
e bastava 'nno prèvete,
'nno barone, 'nno marpione
ppe nne sbotà!

Si no capìmo
pecché è muorto Pisacane
no putimo tornà a esse
gente lucana.


Traduzione in italiano

Perché l'abbiamo ucciso Pisacane?
Perché l'abbiamo ucciso Pisacane?
Lungo il fosso l'abbiamo ucciso,
centocinquanta anni addietro,
come una talpa
uccisa a colpi di sassi
gettati con furia da ragazzi
che hanno timore del buio.

Vi erano anche le pietre gettate
da gente come me.
Ma chi ci armò quelle mani
contro Carlo che si era illuso
che eravamo pronti per la libertà?

Ci misero in mano
un forcone, un'accetta.
Perché neanche lo facemmo parlare
a Pisacane e lo trucidammo
lungo il fosso prima di Sanza,
dove un cippo nero,
con il colore della morte,
ancora oggi sta lì
ad indicarci
quanto furono bestie
i nostri avi.

Quella barbarie,
consumata alle porte di Sanza
con le campane che suonarono a distesa per tutto il Cilento,
come quando suonava la tofa
sulle marine per i turchi
che spuntavano dal mare,
l'abbiamo pagata cara.
Ancora oggi la paghiamo,
non sappiamo bene chi siamo,
chi vogliamo essere,
chi possiamo essere.

Eravamo gente lucana
sana, solerte e forte
ma non ancora libera interiormente
e bastava un prete,
un barone, un delinquente
per convincerci!

Se non analizziamo
perché è morto Pisacane
non possiamo tornare ad essere
gente lucana.

Racconto inviato da: Giuseppe De Vita