POESIE - CALABRIA
Sugnu Babbanu...
Sonetto ironico di Orazio Raffaele Di Landro pubblicato su Nuovo Domani Sud di settembre 2011. Qui il poeta scherza sulla fantascienza ed in particolar modo sulla saga di Harry Potter utilizzando proprio un termine della saga per criticarla!
Dialetto: Calabria

Sugnu Babbanu...
Sugnu sicuramenti nu "babbanu"
e d'Harry Potter mi nda strafuttu;
ed usu tutti i jorna pedi e mani,
e puru a testa, pemmu u fazzu tuttu.

Non volu quandu mi spostu luntanu,
e du lavuru mi sentu distruttu;
ma cercu u fazzu i cosi chjànu chjànu
ed ogni cosa o postu giustu u mbuttu.

Usandu intelligenza e fantasia
eu cercu ordini ed onestà;
e 'on c'è bisognu di nuda magìa

pe' vidiri qual esti a verità.
Eu crìju propria ca a "babbaneria"
duna all'omu na vera dignità.


Traduzione in italiano

Sono Babbano...
Sono sicuramente un "babbano"
e di Harry Potter me ne frego;
e uso tutti i giorni piedi e mani,
e pure la testa, per fare tutto.

Non volo quando devo spostarmi lontano,
e mi sento distrutto dal lavoro;
ma cerco di fare le cose con calma
e di mettere ogni cosa al posto giusto.

Usano intelligenza e fantasia
io cerco l'ordine e l'onestà;
e non c'è bisogno di nessuna magia

per capire qual è la verità.
Io credo proprio che la "babbaneria"
da all'uomo una vera dignità.

Racconto inviato da: Orazio Raffaele Di Landro