POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
Autun
Sentimenti e sensazioni destate dalle giornate d'autunno.
Dialetto: Trentino Alto Adige

Autun
El sol che more pian su per le zime,
i boschi scarmenadi de colori,
el slusegar che fa nel zel le prime
stele de la not e quei rumori

lontani e chieti e nel silenzio persi,
le sere grise dì per dì pù corte,
e ferme come spègi nei revèrsi
ombre che polsa sora foie morte.

Adess l’è temp de nar encontro al fret,
per boschi enluminadi a caminar
e sfodegar coi pei en de ’l farlèt,
fermarse sora ‘n croz, star lì a spiar

i primi ragi pegri, la matina,
che ‘n tra le brume i campi fa fumar
e su la val se stende ‘na coltrina
e soto splende l’Ades lustro e ciar.

Quando se ‘ncucia ‘l fret en dei cantoni,
e per le strade ven la not lizera,
ancor te zerco e ancora i to struconi
sento nasserme dent. E l’è sincera

la voze che me parla e me conoss,
che se sprofonda e che me ciapa ‘l cor.
Te sento, alor, che te me vegni adoss
ma pian, ma pian, ma pian, senza rumor.

Autun, autun, perché me perdo en tì,
che te me ciapi come ‘n prisonér
quando te vardo sul morir del dì,
e te me robi l’ultimo pensier?

Son come schiavo de ‘sta nostalgia,
passion serena che no’ fa sofrir.
Dolze tormento l’è perderse via
e nel to incanto, autun, en poc morir.



Traduzione in italiano

Autunno
Il sole che muore lentamente sulle cime,
i boschi disseminati di colori,
il luccicare che fanno nel cielo le prime
stelle della notte e quei rumori


lontani e quieti e nel silenzio persi,
le sere grigie giorno dopo giorno più brevi,
e ferme come specchi nelle zone a settentrione
ombre che riposano sopra foglie morte.


Adesso è tempo di andare incontro al freddo,
a camminare per boschi illuminati
e smuovere con i piedi il fogliame del sottobosco,
fermarsi sopra una roccia e stare lì a spiare


i primi raggi pigri, al mattino,
che fanno fumare la campagna coperta di brina,
e sulla valle si stende una coltre
e sotto risplende l’Adige, lucente e chiaro.


Quando il freddo s’accuccia negli angoli
e per le strade va leggera la notte,
ancora ti cerco e ancora i tuoi palpiti
sento nascermi dentro. Ed è sincera


la voce che mi parla e mi conosce,
che si sprofonda e che mi prende il cuore.
Ti sento allora venirmi addosso,
ma piano, ma piano, ma piano, senza rumore.


Autunno, autunno, perché mi perdo in te,
che mi prendi come un prigioniero,
quando ti guardo sul morire del giorno
e mi rubi l’ultimo pensiero?


Sono come schiavo di questa nostalgia,
passione serena che non fa soffrire.
Dolce tormento è perdersi
e nel tuo incanto, autunno, morire un po’.


Racconto inviato da: Lawrroc