POESIE - PUGLIA
Ce nan dòrme pénze
I pensieri di chi ha problemi col sonno
Dialetto: Puglia

Ce nan dòrme pénze
Déce ne provèrbie vescegghiase
"U léitte se chiame ròse
ci nan dòrme repòse",
ma stè ci nan pigghie sòunne
e pénze a le déibbete,
a ci sta lendane,
a la megghière du alte,
o còlpe c'òva fò la dè appéirse,
o collèghe reffiane,
a le terènne,
a chire ca te vòlene tenè sòtte a le péide,
a la chemmare,
o téimbe,
a la chennènne chè l'aspétte,
a la dé ca òve assé da ngalère,
a la penziòne ca nan avaste,
a la fatéghe ca nan tròve,
a la fertìune ca nan arréve maie,
a la spèrenze de guaré,
a la vendétte,
a quènne òva scettò u velène
ci l'à fatte male,
ò govèrne ca chènge e chènge, e fòce
sémbe la stessa senate.
Picche sò chire ca pénzene a fa béne,
o munne mbòce, tranguille e serène,
e spisse dìcene: "quann'òva ésse?"


Traduzione in italiano

Chi non dorme pensa
Dice un proverbio biscegliese
"Il letto si chiama rosa
chi non dorme riposa",
ma c'è chi non prende sonno
e pensa ai debiti,
a chi sta lontano,
alla moglie dell'altro,
al colpo che deve fare il giorno dopo,
al collega ruffiano,
ai tiranni,
a quelli che ti vogliono tenere sotto ai piedi,
all'amante,
al tempo,
alla condanna che l'attende,
al giorno che deve uscire dalla galera,
alla pensione che non basta,
al lavoro che non trova,
alla fortuna che non arriva mai,
alla speranza di guarire,
alla vendetta,
a quando possa crepare
chi gli ha fatto del male,
al governo che cambia e cambia, e fa
sempre la stessa suonata.
Pochi sono quelli che pensano a fare del bene,
al mondo in pace, tranquillo e sereno,
e spesso dicono:" Quando sarà?"


Racconto inviato da: FRANCESCO PALAZZO (1920/2000)