POESIE - PUGLIA
U saule nòuste
Il sole del nord è diverso dal sole del sud specialmente se visto da ha la sciato il sud per forzati motivi di lavoro.
Dialetto: Puglia

U saule nòuste
Paése mè
te pénze da lendane.
Fatéghe,
guadègne,
mènge e vève
ma sénde da taie
sémbre la nostalgéie.
Dòrme
ind'a na barracche
che stranéire
e améce settendrionale
e me dòle
nan zendé ch'ue
u dialétte de Vescègghie.
La maténe
quènne spònde u saule,
da na fenéstre
u vaiche pàllede,
velòte de nègghie,
fridde,
triste còme a mè.
Nan réde
còme u saule nòuste
ca nèsce da mmézze a mare,
russe,
berafatte,
grènne,
allégre,
chiéne de bèlle sperènze,
ricche de ragge
ca pòrtene lìuce,
calaure e préisce
a ci repòse,
passégge,
a ci fòce u mestéire sìue.


Traduzione in italiano

Il sole nostro
Paese mio
ti penso da lontano.
Lavoro,
guadagno,
mangio e bevo,
ma sento di te
sempre la nostalgìa.
Dormo
in una baracca
con stranieri
e amici settentrionali
e mi duole
non sentire più
il dialetto di Bisceglie.
Al mattino
quando spunta il sole,
da una finestra
lo vedo pallido
velato di nebbia,
freddo,
triste come me.
Non ride
come il sole nostro
che nasce da in mezzo al mare,
rosso,
bello,
grande,
allegro,
pieno di belle speranze,
ricco di raggi
che portano luce,
calore e gioia
a chi riposa,
passeggia,
a chi fa il proprio mestiere.

Racconto inviato da: FRANCESCO PALAZZO (1920/2000)