POESIE - SICILIA
Natali oggi
Parallelismi fra il Natale di oggi e quello di una volta, relativamente al benessere vigente.
Dialetto: Sicilia

Natali oggi
Ora ca s’avvicina lu Natali
Me’ figghiu voli rigalatu un jocu
E già pripara la so’ littricedda
Pi’ dumannari qualchi cosa bedda.

“Papà”, mi dissi, “vulissi rigalatu
Lu robot, ca si trasfurma e parra,
e poi ancora la televisioni
unni vidiri sulu li cartoni.

Vulissi puru unu di ddi jochi
Ca servinu a cumprenniri la vita,
Oppuru lu computer ‘ntilligenti,
ca fa li cunta e nun si scorda ‘i nenti”.

Mi vinni ‘n menti lu me tempu jutu,
di quannu ‘stu binessiri nun c’era,
e lu cchiù beddu pupu canusciutu,
fu ‘na quasetta china ‘i sirratura.


Traduzione in italiano

Natale oggi
Ora che Natale s'avvicina
mio figlio vuole in regalo un gioco
e già prepara la letterina
per domandare qualcosa carina.

"Papà", mi disse, "vorrei in regalo
un robot, che si trasforma e parla,
e poi ancora la televisione
dove vedere solo cartoni animati.

Vorrei anche uno di quei giochi
che servono a capire la vita,
oppure il computer intelligente,
che fa di conto e non dimentica nulla".

Mi torna in mente il mio tempo andato,
quando questo benessere non c'era,
e il gioco più bello conosciuto
fu una calzetta piena di segatura.




Racconto inviato da: Salvatore Corrao