POESIE - SICILIA
La Ficurinnia
Rappresentazione del carattere della gente di Sicilia, così aspro, all'apparenza, ma in fondo così pieno d'amore per coloro che riescono a conquistarla.
Dialetto: Sicilia

La Ficurinnia
Crisci ‘nta la Sicilia, Amata e cara,
un fruttu ch’avi ‘na ducizza rara,
ma l’ha tuccari cu’ pricauzioni
picchì spini nn’havi a milioni.

Me figghiu m’addumanna: “Ma picchì
La natura è fatta d’accussi?
Un fruttu tantu bonu di mangiari
È chinu ‘i spini ca nun si po’ tuccari".

“La Ficurinnia”, ci rispunnivi iu,
“la fici d’accussì Domini Diu,
pi ‘nsignari a tutta la so genti
ca i cosi belli nun su’ fatica ‘i nenti.

‘U fattu, poi, ca scelsi la Sicilia
Lu fici di prupositu, pi mia,
picchì ‘stu fruttu è l’unicu, fra tanti,
ca po’ rapprisintari ‘st’abitanti.

E’ fattu comu ‘a genti siciliana,
ca all’apparenza pari assai luntana,
ma s’arrinesci a junciri ‘o so’ cori
lu vidi quantu amuri sapi dari.


Traduzione in italiano

La Ficodindia
Cresce nella Sicilia, amata e cara,
un frutto che ha una dolcezza rara,
ma lo devi toccare con precauzione
perchè spine ne ha a milioni.

Mio figlio mi domanda: "Ma perchè
la natura è fatta così?
Un frutto tanto buono da mangiare
è pieno di spine che non si può toccare".

"la ficodindia", gli ho risposto,
"la fece così Dio,
per insegnare a tutta la sua gente
che le cose belle non sono fatica da niente.

Il fatto, poi, che ha scelto la Sicilia, l'ha fatto di proposito, secondo me,
perchè questo frutto è l'unico, fra tanti,
che può rappresentare questi abitanti.

E' fatto come la gente siciliana,
che all'apparenza sembra assai lontana,
ma se riesci a raggiungere il suo cuore
potrai vedere quanto amore sa dare.

Racconto inviato da: Salvatore Corrao