POESIE - SICILIA
Lu ventu binirittu
Quadretto familiare di gente umile che prova nelle cose semplici, le gioie infinite della vita.
Dialetto: Sicilia

Lu ventu binirittu
Lu ventu ca si parti di luntanu
Pi’ veniri a canciari ‘st’aria antica,
mi pari comu quannu, ‘nna la vita,
arriva ddu mumentu tantu attisu
ca servi a rinnuvari i sintimenti
di cu’ la vita sua voli canciari.

Mi pari comu quannu. picciutteddu,
trimannu aspittava lu Natali,
pi’ sentiri li ciavuri d’’a festa,
pi’ essiti cchiù bonu, cchiù curdiali;
pi’ fari ‘a littricedda a lu papà
e diricci: “Pirdunu, nun lu fazzu cchiù”.

E mentri chiovi ‘st’acqua a celu apertu
E sugnu a lu riparu ‘nta me’ casa,
tinennu supra ‘i gambi lu cchiù nicu
e lu cchiù granni finisci la littura,
taliannu a me’ muggheri ca travagghia
cuntentu sugnu di ‘sta me’ vintura.

Lu ventu ca canciò li sintimenti
Vinni ‘nta la me vita tempu fa,
e dissi a tutti ca li me’ turmenti
avevanu a finiri, e accussì fu.


Traduzione in italiano

Il vento benedetto
Il vento che si parte da lontano
per venire a cambiare quest'aria antica,
mi sembra come quando, nella vita,
giunge quel momento tanto atteso
che serve a rinnovare i sentimenti
di chi la vita sua vuole cambiare.

Mi sembra come quando, ragazzino,
tremando aspettavo il Natale,
per sentire gli odori della festa,
per essere più buono, più cordiale;
per fare la letterina al babbo
e dirgli: "Perdono, non lo faccio più".

E mentre piove quest'acqua a cielo aperto
e sono al riparo della mia casa,
tenendo sulle gambe il più piccino
ed il più grande finisce la lettura,
guardando mia moglie sfaccendare,
contento sono di questa mia ventura.

Il vento che ha cambiato i sentimenti,
venne nella mia vita tempo fa,
e disse a tutti che i miei tormenti
dovevano finire, e così è stato.

Racconto inviato da: Salvatore Corrao